Pronto, 113? La calda giornata della Polizia di Prato

0

PRATO -Pronto, 113? La calda giornata della Polizia di Prato.

Clandestini abusivi in garage. Volante denuncia tre cittadini cinesi.

Nella mattinata del 23 settembre 2014, alle ore 10.05 un equipaggio di volante, a seguito di richiesta di intervento pervenuta in sala operativa ad opera di un cittadino italiano che segnalava  la presenza abusiva di stranieri nel suo garage, ha denunciato in stato di libertà  tre cittadini cinesi irregolari. In particolare i predetti sono stati rintracciati  all’interno di un  garage ubicato in via Respighi, di proprietà del richiedente, cittadino pratese di anni 72 il quale aveva scoperto i tre soggetti nella sua proprietà abusivamente introdottisi previa effrazione della porta basculante. I tre clandestini, venivano pertanto accompagnati in Questura per essere fotosegnalati, denunciati alla competente Autorità Giudiziaria   per i reati di danneggiamento aggravato e violazione di domicilio e messi a disposizione dell’Ufficio Immigrazione per l’avvio delle procedure relative alla loro espulsione.

Fuga in bici per le vie del centro. Denunciato pregiudicato nigeriano

Il 24 settembre 2014, alle ore 11.20, un equipaggio di volante, al termine di un rocambolesco inseguimento per le vie cittadine, ha bloccato e denunciato in atto di libertà un trentaduenne nigeriano, regolare in Italia ma senza fissa dimora, pregiudicato, responsabile del reato di resistenza a Pubblico Ufficiale.  In particolare il predetto è stato intercettato dalla volante mentre dopo aver transitato in viale Galilei in sella ad una bicicletta, si aggirava con fare sospetto in via Pier Cironi, zona notoriamente sensibile in tema di spaccio. Lo straniero, alla vista  della volante, temendo il probabile controllo di polizia, si dava a fuga a bordo del velocipede inseguito dall’auto di servizio. Durante l’inseguimento sviluppatosi in via Protche, via Bologna, piazza dell’Università l’uomo andava a collidere con alcune auto parcheggiate in sede stradale (procurando dei danneggiamenti) per poi terminare la sua corsa urtando altri veicoli parcheggiati e rimanendo di fatto impedito nella sua fuga che continuava a piedi, sempre tallonato dagli agenti. Al termine dell’inseguimento gli operatori riuscivano a bloccare l’uomo mettendolo in sicurezza ma non recuperavano l’oggetto che lo stesso si era disfatto durante la sua fuga lanciandolo  in un’area verde incolta. Accompagnato in Questura per ulteriori accertamenti emergevano a suo carico  alcuni precedenti e pregiudizi di polizia tra cui una scarcerazione per reati connessi a spaccio di stupefacenti del luglio 2014 e  la misura di sicurezza  dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.

Controlli in “zone calde”. Segnalato per droga cittadino nigeriano.

Nella serata del 24 settembre 2014, alle ore 21.50, personale delle volanti ha segnalato alla competente Autorità Amminsitrativa ai sensi dell’art. 75 del D.P.R. 309/90 un trentacinquenne cittadino nigeriano. Il predetto fermato nel corso di un controllo realizzato  presso la Stazione di Prato Porta al Serraglio, zona sovente teatro di spaccio, è stato trovato in possesso  di 7 grammi  di marijuana detenuta per uso personale.

Inseguimento delle volanti. Recuperato autovettura rubata.

Il 24 settembre 2014, alle ore 18.30, un equipaggio di volante veniva inviato dalla sala operativa in Piazza del Mercato Nuovo per segnalazione di autovettura provento di furto in fuga per le vie cittadine. Convergevano sul posto due pattuglie che riuscivano ad intercettare il mezzo e dopo un rocambolesco inseguimento chiudevano di fatto la via di fuga. Tuttavia il conducente riusciva ad abbandonare l’autovettura fuggendo a piedi,  facendo perdere le sue tracce dopo aver  raggiunto la pista ciclabile e scavalcato la recinzione della linea ferroviaria costeggiante. L’autovettura  era risultata provento di furto  alcuni giorni addietro e consegnata   al proprietario al termine degli adempimenti..

Rocambolesco inseguimento sulla provinciale. Denunciato trentenne pratese con patente sospesa.

Nella decorsa notte 25 settembre 2014, personale delle volanti al termine di un lungo inseguimento di un’autovettura iniziato in viale Galilei e proseguito  fuori città fino al Comune di Vaiano, ha denunciato in stato di libertà un  trentenne pratese,  residente in quel comune.  In particolare il predetto, è stato intercettato a bordo della sua autovettura Citroen mentre percorreva  a forte velocità viale Galilei, direzione nord. Alla vista della volante i cui operatori intimavano l’alt, il conducente ignorando l’ordine imposto proseguiva a folle velocità la sua marcia  imboccando la provinciale della vallata ed accelerando la sua andatura al fine di disperdere la pattuglia inseguitrice. Durante il tragitto, (fino a giungere nel Comune di Vaiano ove si perdevano le tracce del mezzo) il conducente metteva in serio pericolo la circolazione stradale con sorpassi azzardati in curva  ed invasione della corsia opposta. Veniva intanto allertato anche  personale di altra forza di polizia (la Stazione Carabinieri di Vaiano) che riusciva dopo qualche minuto di ricerca a rinvenire il mezzo in argomento parcheggiato davanti a delle abitazioni ubicate  in una zona periferica del paese a cui si accede percorrendo uno stradello sterrato. Nel corso delle ricerche, effettuate di concerto con i Carabinieri, gli agenti grazie anche al segnale  di alcuni cani che abbaiavano in una determinata direzione, riuscivano ad individuare l’uomo nascosto  tra gli arbusti. Veniva pertanto compitamente identificato il soggetto su cui grava un provvedimento della sospensione della patente di guida, che ammetteva le sue responsabilità . Accompagnato in Questura  per i dovuti adempimenti è stato pertanto sanzionato  per le varie infrazioni commesse al codice della strada, per non essersi fermato all’alt imposto dagli agenti  e denunciato in stato di libertà per resistenza a Pubblico Ufficiale.

113Prato

No comments