“Pronto? PD? C’è nessuno?!”, Baldini e il mese caotico di Betti

0

VIAREGGIO – “L’Amministrazione Betti – dopo quanto accaduto anche nel corso degli ultimi giorni – ha dimostrato di non essere in grado di garantire il governo della città e, al fine di evitare ulteriori danni, è bene che si faccia da parte subito.
Provo ad elencare i fatti clamorosi solo dell’ultimo mese ! Una situazione, oggettivamente, mai vista in precedenza.
– il Sindaco annuncia la vendita della Passeggiata ma la Commissione competente lo smentisce all’unanimità;
– esce la notizia che l’Amministrazione venderà il porto agli arabi per 50 milioni di euro (il Sindaco va a Dubai) ma la Commissione Porto, sempre all’unanimità, ordina la messa in liquidazione della Viareggio Porto;
– Il Sindaco Betti va dal Notaio e fa nominare l’Assessore al Porto Giovanni Giannerini (già presidente della medesima società) nuovo liquidatore della Viareggio Porto SpA. I due amministratori annunciano l’avvenuta operazione alla stampa (con buona pace dello stesso PD, probabilmente ignaro) ma, il giorno dopo, a seguito dei pesanti rilievi di illegalità di tale nomina provenienti da più parti ed acclarati dalle norme, Giannerini è costretto a dimettersi anche da liquidatore;
– Si dimette il Presidente del Carnevale (mica la bocciofila) ed il suo CDA.
– Le Cooperative dei Pescatori sono in rivolta e stanno per promuovere seri contenziosi;
– il Centro Giovani minaccia di portare altrove il torneo di calcio giovanile;
– il Vice-Sindaco Romanini viene raggiunto da mozione di sfiducia. Si scopre che, a novembre scorso, quando era Presidente del Consiglio Comunale, per sua stessa ammissione, non ha consegnato ai colleghi Consiglieri la documentazione contabile ricevuta dall’ex Ragioniere Capo, facendo votare al Consiglio Comunale, che la medesima presiedeva, gli equilibri di bilancio senza che i membri dell’assemblea fossero al corrente di quelle carte che riguardavano i possibili presupposti dello stato di dissesto comunale;
– l’ultimo Consiglio Comunale, quello del 10 settembre scorso, viene iniziato malgrado non vi siano le condizioni di numero legale necessario a celebrarsi in quanto il Sindaco viene abbandonato dai suoi membri di maggioranza che si rifiutano di venire in Consiglio dichiarandolo il giorno prima sulla stampa. Solo la determinazione delle forze di minoranze nel chiedere il rispetto del regolamento consiliare – allertati Prefettura e Carabinieri – fa ristabilire la legalità.
Nel corso della mattinata si assiste ai “numeri” del Segretario Comunale reggente Antonio Salonia (catapultato a Viareggio solo sette giorni prima e sconosciuto a tutti) per i quali (tale la gravità) i gruppi consiliari hanno formalizzato al Ministero dell’Interno richiesta di allontanamento e rimozione dall’incarico del medesimo.
Si assiste anche allo sfaldamento ulteriore dei Consiglieri alleati di Betti che incassa la dissociazione da quella farsa di Genick (PD) e Brocchini (PD);
– Brocchini si dimette poi da Presidente della Commissione Urbanistica;
Tutto questo nel mentre si segnala che:
– negli ultimi 3 mesi, a partire dal 3 luglio scorso e fino ad oggi, si sono tenuti solo 4 Consigli Comunali, di cui uno obbligatorio per legge.
Non si è votato una delibera di programma dell’Amministrazione che sia una !
Anzi, le poche delibere preparate dalla Giunta si ritirano perchè, bocciate in Commissione (Decoro e Sicurezza – Regolamento impianti sportivi), non hanno i numeri nemmeno in Consiglio Comunale.
Inoltre, il Consiglio Comunale del 16 luglio non si è tenuto per le conseguenze dei contenziosi giudiziari dei Segretari Comunali, quello del 18 agosto è stato illegittimamente rinviato al 27 agosto e quello del 10 settembre si è aperto malgrado non vi fossero i membri necessari a riunirlo;
– le Commissioni Consiliari non lavorano e quando lo fanno succede solo per impulso delle forze di minoranza:
– l’ultima Commissione Ambiente è stata convocata dalle opposizioni. Lo stesso vale per la Commissione Porto e per la Commissione Sport.
La Commissione sociale non si riunisce dal 12 aprile, la Commissione Cultura dal 27 giugno.
Le uniche che lavorano – fatta eccezione per la Bilancio che è costretta a riunirsi per le scadenze contabili previste per legge – sono la Commissione Statuto e quella di Controllo, non a caso presiedute dalla minoranza;
– la Conferenza Capigruppo, poi, è una vera barzelletta.
Presieduta dal Presidente del Consiglio Comunale, Giuseppe Vannucchi, quasi mai presente la mattina in Comune malgrado il ruolo lo imponga (non si lamenti quindi se nessuno lo considera e non conta nulla) e quindi pressochè mai a disposizione in sede per i Consiglieri Comunali, per gli uffici e per i cittadini (ma lo stipendio ha il coraggio di prenderlo), dal 4 settembre scorso non è stata più riunita malgrado in questi venti giorni sia successo di tutto in Comune, sopratutto a danno di quelle prerogative consiliari che il medesimo dovrebbe garantire e difendere. Ma, del resto, come è noto, Vannucchi era in vacanza !
Domando a tutti, si può continuare a permettere a queste persone di amministrare la città ?
Sono questi i personaggi ai quali vogliamo lasciare la gestione della procedura di dissesto di Viareggio ?
Pronto ? PD ? . . . C’è nessuno ?

No comments