Puglia, tra mare e borghi: il Salento

(di Benedetta Baudone) – Come prima Ciliegina di viaggio voglio parlarvi di una meta facile da raggiungere e molto low cost, soprattutto se visitata fuori stagione: la Puglia.
La Puglia è una regione ricca di bellezze e cultura e settembre è un ottimo periodo per visitarla. Il clima è ancora caldo e il diradarsi delle folle di turisti permette di godere appieno del fascino delle sue spiagge e dei suoi borghi. A fine estate, inoltre, i prezzi degli alloggi e dei voli diventano più competitivi. Prenotando con il giusto anticipo si possono trovare voli andata e ritorno a non più di 50 euro. Più difficile rimane la scelta dei posti da visitare.

Quello che vi propongo di seguito è un bellissimo itinerario on the road, fattibile con un minimo di 6 giorni, che parte da Lecce e termina a Bari.
La prima parte si snoda tra il mare turchese e i borghi pittoreschi del Salento, percorrendo le zone di Lecce, Otranto, Santa Maria di Leuca per poi finire sul versante ionico.

Da Lecce a Otranto.
Da Lecce sono facilmente raggiungibili i paesaggi più belli del versante adriatico. La famosa Grotta della Poesia si trova a soli 25 km. Questa piscina naturale, purtroppo, viene presa d’assalto da un turismo non sempre responsabile e per questo è stato presentato un progetto di recinzione dell’area per limitarne l’accesso e preservare il sito.

 

 

 

 

 

 

 

Non lontano si trova Torre dell’Orso, una spiaggia con una sabbia bianca finissima e un mare turchese, che si contraddistingue per la presenza di due rocce che si ergono dal mare chiamate le “Due Sorelle”.
Lungo la strada che porta ad Otranto si incontrano anche i faraglioni di Sant’Andrea, situati a nord del villaggio di Torre Sant’Andrea, un susseguirsi di rocce bianche che contrastano con il blu del mare.

 

 

 

 

 

 

Da Otranto al versante ionico.
Tra le tante bellezze di questo versante c’è la litoranea, che da Otranto porta a Santa Maria di Leuca, si tratta di una strada panoramica mozzafiato punteggiata da torri a picco sul mare. Sarà difficile non fermarsi ogni cinque minuti per scattare foto al panorama. Porto Badisco, Torre Minervino, Ponte Ciolo, per citare soltanto alcuni dei più affascinanti. A mio avviso, i più suggestivi di tutto il viaggio.

Da Santa Maria di Leuca in circa venti minuti d’auto si raggiunge la zona di Pescoluse, ribattezzata “Maldive del Salento”, sullo stesso versante si trovano anche Punta Prosciutto e Torre Lapillo, altre due bellissime spiagge con sabbia borotalco e acqua cristallina.

Qui termina il mio itinerario Salentino, le Ciliegine vi aspettano la prossima settimana per proseguire con la seconda parte del viaggio!