“Pulizie sotto costo alla Deutsche Bank”

0

VIAREGGIO – “Pulizie sotto costo alla Deutsche Bank”

La nota stampa arriva dai sindacati:

“Con il prossimo 31 Dicembre andrà in scadenza la proroga per le pulizie in Deutsche Bank, oggi affidata alla ditta Ies Innovazione e Servizi Srl dalla ISS che gestisce l’affidamento dell’appalto per conto della Deutsche Bank .

Gli attuali titolari dell’appalto non applicano il Contratto Collettivo Nazionale Multiservizi ma il CCNL Cisal/Confaziende che è fortemente peggiorativo sia a livello normativo che retributivo. Infatti, il CCNL firmato da Cisal prevede una paga oraria di €.5,10 circa a fronte di €.7,34 del CCNL Multiservizi siglato da Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil, oltre ad altre pesantissime ripercussioni come l’assenza della 14ma mensilità, forte peggioramento del pagamento della malattia, mancato pagamento festività( a meno che non cada di domenica!) e molto altro.

E’ necessario far presente che nel suddetto appalto lavorano donne che hanno contratti di lavoro part time anche di pochissime ore a settimana ed un ulteriore peggioramento dal punto di vista economico, così come avviene ora e viene delineato per il futuro, colpisce queste lavoratrici in maniera insostenibile, portandole sulla soglia della povertà , dell’insostenibilità nel mettere insieme il pranzo con la cena, colpisce le lavoratrici nella loro dignità : tutto ciò per noi è inaccettabile.

Riteniamo che Deutsche Bank sia nelle condizioni di garantire un appalto dignitoso a queste lavoratrici, chiedendo all’azienda che si aggiudica l’appalto (così come il subappalto) l’applicazione del CCNL di lavoro più favorevole alle lavoratrici addette alle pulizie nelle sue agenzie.

In particolare, parliamo di lavoratrici che da anni sono impegnate in questo appalto e da sempre hanno visto applicato il corretto contratto nazionale del Multiservizi, da qualunque azienda sia succeduta nell’appalto medesimo e che devono vedere la medesima retribuzione e le stesse norme che finora sono state loro applicate; ulteriore paradosso ( sempre a scapito delle lavoratrici della nostra provincia) si configura nel fatto che in altre Regioni, per il medesimo appalto , altre ditte applicano correttamente il contratto nazionale dei Multiservizi, creando quindi un’ulteriore dumping sociale tra colleghe!

Abbiamo più volte informato la Deutsche Bank della pesante situazione che attraversano le lavoratrici, chiedendo in ultimo di considerare necessità primaria la garanzia del contratto Multiservizi, oltre a richiamare la loro responsabilità in solido sull’appalto medesimo.

Ci siamo altresì appellate al proclamato impegno sociale in Italia da parte di Deutsche Bank: “ Ci impegniamo ad agire come partner responsabili nel servire gli interessi della comunità” firma Jurgen Fitschen Co-CEO Deutsche Bank, ma a quanto pare resta una frase che non troverebbe riscontro quantomeno per le dipendenti delle pulizie..

Abbiamo più volte sollecitato i responsabili della ISS , perché includessero la clausola sociale ed applicazione del contratto nazionale Multiservizi quali condizioni essenziale per vedersi aggiudicato l’appalto pulimento: purtroppo senza esito, per loro un contratto o l’altro hanno la medesima valenza giuridica.

La Filcams Cgil ritiene inaccettabile e impercorribile la soluzione prospettata dall’azienda appaltante IES Innovazione e Servizi di trovare accordi conciliativi al massimo ribasso e tutelerà in tutti i modi e in tutte le sedi le lavoratrici che chiedono giustizia.

I lavoratori e le lavoratrici degli appalti in generale non possono essere continuamente colpiti nei diritti e nelle retribuzioni in nome del profitto”.

No comments