Quattro chiacchiere con il candidato sindaco Marco Daddio

CAMAIORE – ( di Matteo Baudone ) – Manca poco al giorno delle urne. E TGregione.it ha incontrato il candidato sindaco Marco Daddio per quattro chiacchiere pre elettorali.

A che punto è la sua campagna elettorale?

Alle battute finali come per gli altri candidati. Ho fatto il giro del territorio camaiorese ed in questi ultimi giorni mi sto dedicando a incontri nei tre centri più grossi per ringraziare i cittadini dell’attenzione che mi hanno riservato. Il nostro modo di fare politica con programmi e non con diatribe politiche tra le parti, spero che ci possa premiare.

Quali sono le reazioni che ha avuto la gente al suo attuale progetto di sindaco futuro?

Il mio programma elettorale è figlio di un periodo di ascolto e di confronto con i cittadini,le categorie economiche e l’associazionismo in genere. Ho messo anche alcune mie personali idee che hanno riscontrato molto interesse perché realistiche e realizzabili nell’interesse complessivo della comunità camaiorese. Sicuramente liberi dagli schemi di partito ci risulta più semplice proporci positivamente.

Quali sono le reazioni che la gente ha dimostrato riguardo il suo programma elettorale tanto a lei quanto ai suoi collaboratori?

Reazioni positive perché i cittadini hanno capito che sono dalla loro parte senza se e senza ma, forte della mia autonomia dai partiti tradizionali. Senza dubbio i progetti del Camaiore Sport Village a Camaiore, la “via di fuga” da e per Camaiore, la fattoria didattica e tutto ciò che concerne la destagionalizzazione, mi hanno dato un grande ritorno e interesse.

In che cosa si sente diverso dagli altri candidati?

Non amo giudicare gli altri, amo guardare casa mia. Senza dubbio non scendere alle provocazioni elettorali sarà la nostra arma in più.

Qual’è il primo intervento che farebbe dopo la sua elezione a sindaco?

Per il modo in cui intendo affrontare le problematiche che mi si prospetteranno seguendo come filo conduttore il confronto continuo con la gente: senza dubbio intervenire immediatamente sul problema della balneazione, lavorando sui depuratori, e un braccio fermo nella lotta al commercio abusivo. La nomina di un portavoce dei Garanti di zona per avere un interlocutore continuo con l’Amministrazione Comunale.

Se la sentirebbe di lavorare con il suo omologo di Forte dei Marmi in caso di elezione insieme?

Perché no…se dovessimo affrontare problematiche comuni la collaborazione è d’obbligo,ma poiché ho una visione comprensoriale della Versilia intenderò collaborare fattivamente anche con gli altri Sindaci, se l’obiettivo finale sarà il meglio per i cittadini versiliesi.

Qual’è il messaggio che vuole lanciare all’elettorato in queste ultime battute della campagna elettorale?

Concretezza, celerità e partecipazione sono i miei dogmi per una buona amministrazione. Siamo la vera novità sullo scenario politico camaiorese, una lista giovane, composta da 13 donne e 11 uomini, impegnati in molti campi della società civile. Una lista libera, trasversale, e che raccoglie idee bipartisan, aperta ad ogni scenario non precostituito. Perché per noi le buone idee non hanno colore politico.

 

Lascia un commento