Rapimento a Firenze: tre giorni di prigionia per un 37enne

FIRENZE – Incubo a Firenze: è stato rapito un 37enne originario della Calabria ma residente nel capoluogo toscano.

La vittima è stata rintracciata dai due rapitori, che lo avevano prima contattato telefonicamente, nella sua abitazione dove lo hanno rapito minacciandolo con una pistola.

3 giorni di prigionia per l’uomo che è stato portato dai malviventi a Capo di Mare di Cerveteri dove è stato segregato, privato della possibilità di comunicare e picchiato.

In un momento di disattenzione dei rapitori l’uomo è riuscito a rubare lo smartphone sequestrato e mandare un messaggio al fratello informandolo di quanto accaduto.

Da quel momento sono stati subito avvisati i militari che hanno predisposto un dispositivo comporto da cinque equipaggi che hanno permesso in brevissimo tempo di rintracciare l’abitazione dove il 37enne era sequestrato.

Momenti di commozione da parte della vittima alla vista dell’arrivo degli agenti che hanno arrestato i rapitori, due uomini di 29 e 27 anni pluripregiudicati per reati contro la persona, il patrimonio e in materia di stupefacenti.

Il movente del rapimento sembra sia riconducibile a un debito derivante da un’attività di frode informatica che i sequestratori e il sequestrato avrebbero tentato nei mesi precedenti.