Riccardo Zucconi: “Bagni di Lucca penalizzata dal centrosinistra”

BAGNI DI LUCCA – “Da Regina d’Europa a Cenerentola penalizzata per far luce ad altre località”, per Riccardo Zucconi, candidato alla Camera del centrodestra, è questo il destino di Bagni di Lucca, di cui ha parlato sabato in un incontro con la popolazione al Circolo dei Forestieri. “L’arrivo nella cittadina termale di una amministrazione a chiara impronta Pd, voluta e sostenuta da Marcucci e Baccelli, ha portato in pochi mesi a fermare ogni tentativo di rilancio, almeno sotto il profilo del termale e delle attività turistiche”.

“In meno di un anno la gestione dominata dagli uomini del Pd ha fatto registrare solo chiusure: chiusa la scuola di Scesta, chiusa la piscina di Villa Ada, in via di chiusura la scuola di San Cassiano, e ancora uno dopo l’altro chiudono negozi e attività che non possono più reggere in una cittadina in stato di abbandono. Ultimo esempio? La chiusura della Shelley House che non era soltanto una libreria ma un centro di produzione di eventi culturali, legati alla vita del poeta inglese che a Bagni di Lucca aveva soggiornato. Da non dimenticare poi che nulla è stato fatto a livello istituzionale per evitare che Bagni di Lucca perdesse pure uno dei pochi parroci rimasti”, prosegue Zucconi nella sua disamina.

“Mentre nelle frazioni della montagna i residenti devono ricorrere all’ironia, mettendo fiori e piante nelle buche per ottenere che almeno vengano tappati i crateri sulle strade dissestate, sulla Lima e sugli affluenti continuano a sorgere – con il beneplacito partito dalla Provincia guidata da Baccelli – dighe in cemento, che sottraggono la poca acqua rimasta per il business dell’energia elettrica, un danno enorme per l’ambiente che è alla base della politica di attrazione turistica, che tante associazioni tentano con grande merito di portare avanti”.

“Con il centrodestra al governo – conclude Zucconi – Bagni di Lucca tornerà al centro dell’attenzione nell’ambito di un progetto di rilancio che parta dal recupero delle terme e dalla vera tutela dell’ambiente”.