Rogo in un capannone rifugio di stranieri: muore un 35enne

0

SESTO  – Rogo in un capannone in disuso a Sesto Fiorentino, un tempo sede del mobilificio Aiazzone, e da due anni circa utilizzato come riifugio da circa 100 extracomunitari della Somalia. Tre i feriti e un uomo di 35 anni morto sono il bilancio dell’incendio scoppiato questa notte e spento solo alle prime luci dell’alba di questa mattina dai Vigili del Fuoco intervenuti sul posto con 27 unità e 9 veicoli.”Il rogo di Sesto Fiorentino e la conseguente morte di un uomo sono l’ennesima tragedia figlia di un’accoglienza impossibile e di un sistema allo stremo. Nel nostro Paese esistono ‘zone franche’ in cui si tollerano situazioni di illegalità che nuocciono tanto ai cittadini italiani quanto ai migranti. Sesto ne è una dimostrazione”. Lo dichiara il deputato di Forza Italia Luca Squeri. “Come denunciamo da tempo, la politica delle ‘porte aperte’ senza criterio ha consegnato edifici o addirittura interi quartieri delle nostre città al degrado, creando enclave in cui le condizioni igienico-sanitarie sono pessime e si vive in condizioni ben al di sotto della dignità umana. Non si può continuare a tollerare tutto questo facendo finta di niente”, conclude.

No comments

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: