Ruba un portafogli in lavanderia, inseguita e presa da Polizia e Carabinieri

0

VIAREGGIO – Durante la tarda mattinata di ieri a Viareggio, in via San Francesco, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della locale Compagnia e gli Agenti del Commissariato di Polizia di Viareggio hanno arrestato in flagranza di reato  Elda Pozzi, classe 1958, residente in Provincia di Pisa, commerciante, pregiudicata, poiché ritenuta responsabile del reato di furto aggravato.
In particolare la donna è stata bloccata da un poliziotto, in quel momento libero dal servizio, mentre, inseguita dalla malcapitata vittima, tentava di darsi alla fuga dopo aver trafugato un portafoglio dall’interno di una lavanderia. Durante le concitate fasi di fermo della malvivente interveniva anche una pattuglia dei Carabinieri del Nucleo Operativo che in abiti civili stava monitorando l’area proprio al fine di prevenire e reprimere la commissione di furti e scippi. Il tempestivo intervento e l’acume investigativo del personale delle Forze dell’Ordine ha permesso di impedire la fuga della Pozzi e di accertare che la stessa poco prima di essere bloccata si era disfatta del portafoglio trafugato. Agenti e Carabinieri setacciavano quindi la zona trovando la refurtiva sotto un’auto in sosta.
Le rapide indagini condotte congiuntamente da Polizia e Carabinieri permettevano di appurare che la Pozzi era entrata all’interno della lavanderia fingendo di essere una cliente che aveva necessità di lavare urgentemente un piumone. L’addetto al momento presente però si insospettiva in quanto la donna non aveva con se alcun oggetto. Proprio grazie a tali sospetti l’addetto monitorava con attenzione i movimenti della donna che improvvisamente si allontanava dal negozio. L’uomo quindi immediatamente constatava che da un cassetto mancava un portafoglio contenente 500 euro e vari documenti personali e si metteva subito all’inseguimento della malvivente. Il tutto non sfuggiva ad un poliziotto del Commissariato di Viareggio libero dal servizio che prontamente raggiungeva e bloccava la donna venendo immediatamente supportato dai Carabinieri che si trovavano poco distanti.
Elda Pozzi veniva quindi condotta in caserma e, terminate le formalità di rito, è stata ristretta presso le camere di sicurezza in attesa dell’udienza di convalida che ha avuto luogo nella mattinata odierna presso il Tribunale di Lucca. A seguito dell’udienza l’arresto è stato convalidato e la predetta è stata condannata a 7 mesi che sconterà sottoposta all’obbligo di dimora nei Comuni di Pisa e San Giuliano Terme.
Il portafoglio recuperato è stato immediatamente riconsegnato al legittimo proprietario.

No comments