Rubavano nei parcheggi sotterranei dei supermercati, arrestati dalla Squadra Mobile

1

LUCCA – A seguito di un’articolata operazione avviata a Lucca, e svoltasi anche nelle province di Firenze e Prato, contro il fenomeno dei reati predatori, la Squadra Mobile di Lucca ha arrestato due persone.

I due erano soliti attendere le loro vittime nei parcheggi sotterranei dei supermercati a bordo di una vettura con targhe false: approfittavano della distrazione di chi lasciava la propria borsa all’interno del veicolo per riporre il carrello della spesa nell’apposito stallo e colpivano velocemente forzando la portiera e sottraendo la borsa del malcapitato. I poliziotti della Squadra Mobile li hanno individuati ed hanno avviato un’intensa attività di monitoraggio.

Lo scorso fine settimana, i malviventi, un uomo ed una donna di etnia sinti, a bordo di una FORD CMAX, muovendo da Torre del Lago, hanno imboccato l’autostrada Firenze Mare e raggiunto, dapprima, un noto centro commerciale di Prato e, successivamente, un centro commerciale di Sesto Fiorentino. Qui la macchina dei due ladri è entrata nel parcheggio sotterraneo; dal veicolo è scesa la donna. Gli operatori, ostacolati dal passaggio di numerosi pedoni e vetture, l’hanno vista avvicinarsi a piedi ad un’auto in sosta e sottrarre repentinamente, dall’abitacolo del veicolo, una borsa. La macchina della coppia è poi fuggita a folle velocità, per essere raggiunta, poco dopo, in viale Primo Maggio, nei pressi di un istituto di credito.

La donna è stata bloccata mentre tentava il prelievo di denaro utilizzando la carta bancomat della vittima, mentre il complice è stato fermato mentre tentava di staccare dalle targhe del veicolo due panelli riproducenti una targa falsa.

All’interno dell’abitacolo della FORD C.MAX sono stati rinvenuti la borsa appena sottratta, la somma di 125 euro, il cellulare della vittima ed un rotolo di nastro biadesivo, utilizzato per apporre le targhe false.

I due – S.A., di 38 anni, S. H., di 39 anni, entrambi con precedenti specifici per furti, compagni nella vita e genitori di due figli minori – sono stati arrestati per furto aggravato in concorso e per tentato utilizzo indebito di carte di credito.

Il loro arresto è stato convalidato nel giudizio in direttissima celebrato presso il Tribunale di Firenze; chiesti i termini a difesa, i due sono stati sottoposti agli arresti domiciliari.

La Squadra Mobile sta lavorando per accertare la responsabilità dei due in ordine ad altri episodi delittuosi, simili a quello sopra riferito, consumati a Lucca nel mese scorso presso noti esercizi commerciali.

1 comment

Post a new comment