50 sfumature di… desideri sessuali atipici ( e non chiamatele perversioni )

1

( di Patrizia Mascari ) – Cinquanta sfumature di … desideri sessuali atipici: BDSM….E…non chiamatele PERVERSIONI, perché…

Già dal secolo scorso l’etichetta è stata sostituita col termine PARAFILIE  in considerazione del fatto che la maggior parte dei comportamenti sessuali definiti perversi fanno parte di una normale sessualità e che spesso a connotare una condotta sessuale come patologica sono l’ansia e la distruttività! E’ il caso appunto dell’universo Sado-Maso.

Con ‘50 sfumature di grigio’ la Jones vende più 37 milioni di copie nel mondo e porta allo scoperto il ‘vizietto’ di coloro che frequentano locali e feste dedicate alla Bondage Discipline Sado-Maso.  In Italia pare siano circa 10mila!  L’88% dei cultori della BDSM ha una età compresa fra 21 e 51 anni, gente normale,  vita normalissima, lavoro, famiglia e…..una passione per la dominanza o la sottomissione sessualmente espresse!

Ma cos’è di preciso la BDSM?

Sesso in cui vi è fusione di piacere e dolore è ‘l’arte’ di provocare il godimento del partner attraverso piccole torture con speciali strumenti del mestiere: scudiscio di cuoio o frustino in pelle d’alce, per accarezzare, massaggiare o picchiare; tacchi a spillo con cui la ‘mistress’ (padrona dominatrice), vestita di latex, dispensa sensuali punizioni calpestando l’altro! Ed ancora aghi e cera bollente, spanking (sculacciate), costrizioni erotiche!

Dato che il gioco si fa se si è almeno in due abbiamo da una parte il ruolo del  SADICO che prova piacere nel provocare sofferenza od infliggere umiliazione nella sua vittima, il MASOCHISTA, colui che trova sessualmente eccitante essere umiliato, provare dolore fisico o soffrire. Da non confondere con molestie od abusi sessuali nel Bondage son tutti adulti e consenzienti, la vittima sceglie consapevolmente questo ruolo.

Psicologicamente possiamo vederla come la ‘RESA CHE RENDE LIBERI’, una dimostrazione della propria forza nel sopportare quanto viene inflitto!

Di SESSO ESTREMO si tratta, dalle pratiche soft a quelle più dure e violente (compreso il controllo del respiro), fra i ‘professionisti’ diffuse le performance ad alto rischio:  legare la ‘schiava’ in un bozzolo di corde (shibari,Yokotsuri) per poi appenderla ad un anello da alpinista fissato al soffitto dove, costretta ad assumere posizioni plastiche ed innaturali, appare simile ad una bambola celluloide o un burattino di legno.

Il ‘Bondage ufficiale’ impone regole ben precise all’insegna della sigla “SSC”, ossia Sicuro, Sano e Consensuale. Non sono ammesse né droghe né alcol, chi si diletta in queste attività possiede un SEGNALE, o una parola, con cui INTERROMPERE immediatamente LA PRATICA nel caso in cui non voglia più starci.

Molte persone con desideri sessuali atipici non hanno un disturbo mentale.

Qual è allora il confine tra normalità e patologia?

Vi sono  criteri diagnostici ben precisi alcuni dei quali si riferiscono al vissuto  angoscioso con cui la persona mete in atto le condotte (non derivante dalla disapprovazione sociale); alla presenza di un desiderio o comportamento sessuale che comporti un disagio psichico, delle ferite o la morte di un’altra persona; un desiderio per comportamenti sessuali che coinvolgano terzi incapaci di dare un valido consenso o coinvolti a loro insaputa”.             In ogni caso la diagnosi deve essere effettuata da uno specialista (psichiatra, psicologo).

Frase del giorno: ‘Di tutte le perversioni sessuali la castità è la più strana’. Anatole France

RubriSex la rubrica di sessuologia è tenuta da:

Patrizia Mascari, Psicologa, Consulente di coppia è Professore a.c. UNIFI, Autrice di numerose pubblicazioni, tra cui “L’immaginario, Fantasie e Sessualità’ ed. Franco Angeli.  Per ulteriori informazioni  la dottoressa è contattabile all’indirizzo mail: pamasca@tin.it.

Luca Lunardini  Medico-Chirurgo, Specialista Urologo con incarico di Alta Specializzazione in Andrologia,  dirigente medico presso la Unità Operativa di Urologia della A.S.L. 12 Versilia. E’ contattabile, per qualsivoglia approfondimento, via email al seguente indirizzo: luca.lunardini1@tin.it

1 comment

  1. Morando Sergio Crocefieschi Genova Malpotremo Lesegno Italia Argentina San Morando Vico Morando Vico Belin 26 novembre, 2014 at 12:02

    Extreme sex, tanto estreme poi non sono in Giappone ne hanno fatto una cultura da anni e vi sono locali specializzati a tema dove sia uomini che donne possono praticare senza pagare nulla le loro fantasie e le donne non sono da meno degli uomini..anzi hanno più fantasie anche forti estreme su gli stessi uomini che in codesti club sono sottomessi alle più sfrenate concrete non più solo fantasie..femminili. Certo le pratiche hanno tutte nomi orientali che quelle conosciute vengono tradotte non certo in italiano ma quasi sempre in solo inglese compreso gli oggetti i sex toys giochi sessuali usati nelle svariate pratiche, non solo made in Japan..Comunque sembra strano ma vero la sottomissione maschile in Giappone ma non solo è molto apprezzata dalle femmine e pertanto praticata come gioco di schiavo..o dottoressa paziente,non mancano pratiche di liquidi corporei ..fatti bere al paziente o schiavo..ma codesta pratica non è solo orientale già partendo dal medioevo anche in Italia si facevano bere ad insaputa certe liquidi femminili messi in caffè o in altre bevande non tanto per gioco sessuale ma per avere il fidanzato marito per sempre..cosa ancora ad oggi praticata in credenze tramandate in certe regioni italiane ma oggi universalmente usate per giochi sessuali in generale in tutta italia l’oriente ha varcato i confini anche in occidente,basta vedere le sigle le parole inglesi tradotte su qualche sito apposito e si scoprirà che vi sono giochi pratiche sessuali inverosimili ma che esistono e vengono praticate senza pudore, sempre farle se fatte naturalmente con adulti rispettando le persone consenzienti.
    Anche in Italia vi è fiera dedicata ,ad esempio a fine novembre vi sono degli assaggi sia dei vari giochi erotici ,giocattoli sessuali ecc.insomma belin è una fiera dedicata al sesso erotismo ed è non in Japan..ma a Torino..basta dare un occhiata su:
    http://www.fieratorinoerotica.com
    Sergio Morando

Post a new comment