Viagra, Cialis e “dintorni”: la rivoluzione continua… sotto le lenzuola

0

( di Luca Lunardini ) – Era il 14 luglio 1789 con la presa della Bastiglia iniziava la Rivoluzione francese.

Era il 27 marzo 1998 con la “presa” del viagra iniziava la Rivoluzione sessuale (maschile).

Il VIAGRA (SILDENAFIL) era stato studiato come un cardioprotettore ma divenne subito famoso come la «PILLOLA BLU».     Era stato studiato per il cuore perché inibendo un’enzima, la fosfodiesterasi 5, si pensava che lo si potesse utilizzare per ridurre la pressione arteriosa. Ma gli anziani cardiopatici che sperimentavano la pillola sperimentale raccontavano di un INASPETTATO MIRACOLO: UNA POTENZA SESSUALE RITROVATA CHE RIPORTAVA INDIETRO LE LANCETTE DELL’OROLOGIO SESSUALE.

Nasceva la pillola dell’amore che avrebbe incredibilmente mutato, e migliorato, i rapporti uomo-donna.

Nel novembre 2003 scoppia una Seconda Rivoluzione: nasce un’altra pillola: il TADALAFL (CIALIS). La sua caratteristica è di iniziare a funzionare più tardi delle altre pillole dell’amore, ma di DURARE DI PIÙ: fino a 36 ore. Subito i media la battezzano «PILLOLA DEL WEEKEND». Tra l’altro recentemente approvata, in una sua particolare formulazione (ONE DAY) per curare l’ipertrofia prostatica. Ma questa è un’altra storia su cui torneremo.

Ma la Rivoluzione del sesso continua e pochi mesi dopo entra in commercio una nuova molecola: il TADALAFIL (LEVITRA) con la caratteristica di essere LA PIÙ RAPIDA ad agire che nel 2011 diventa ORODISPERSIBILE. Il farmaco per la disfunzione erettile assume la forma di una anonima caramella al sapore di menta (LA MENTINA DELL’AMORE) che si scioglie sulla lingua in un istante. Un modo per ottenere, talvolta, una maggiore spontaneità dell’atto sessuale. Quei maschi che vivevano la prescrizione delle pillole contro l’impotenza come una vergogna possono, forse, trovare nella “mentina dell’amore” il plusvalore della discrezione. Non a caso anche il “vecchio” VIAGRA decide di presentarsi anch’esso OROSOLUBILE.

Infine, nel recentissimo marzo 2014, l’ultimo “botto” (per ora!) di questa rivoluzione,  quando una quarta molecola si aggiunge alle “tre sorelle”; l’AVANAFIL (SPEDRA), simile alle precedenti per molti aspetti ma con un costo inferiore (sul delicatissimo problema del costi torneremo in una prossima puntata con particolare attenzione a quel mondo complesso che sono i GENERICI).

Una rivoluzione continua che dura da oltre tre lustri (ricordate? Era il lontano 1998!) dalla quale sembra emergere un nuovo maschio che sta imparando ad accettare con serenità il supporto farmacologico per le sue “difficoltà”. Ma pretende, e giustamente, efficacia clinica e sicurezza.

Eppure noi andrologi ben sappiamo quanto possa essere difficile far accettare diagnosi e terapie a questi pazienti, per non parlar delle loro partner, se possibile ancor più restie ad acconsentire che questi farmaci entrino a far parte della loro vita di coppia. Una ostilità, quella femminile alla, “chimica nell’amore” che ha probabilmente origine in un retroterra culturale ed educazionale che non è ancora del tutto cambiato nonostante il susseguirsi delle… Rivoluzioni.

Ma come in tutte le rivoluzioni non si torna indietro! E l’andrologia proseguirà a sfornare nuove ricette chimiche e no, perché la battaglia sotto le lenzuola sia sempre più… Vittoriosa!

RubriSex la rubrica di sessuologia è tenuta da: PATRIZIA MASCARI, PSICOLOGA, CONSULENTE DI COPPIA È PROFESSORE A.C. UNIFI, AUTRICE DI NUMEROSE PUBBLICAZIONI, TRA CUI “L’IMMAGINARIO, FANTASIE E SESSUALITÀ’ ED. FRANCO ANGELI.  PER ULTERIORI INFORMAZIONI LA DOTTORESSA È CONTATTABILE ALL’INDIRIZZO MAIL: PAMASCA@TIN.IT.

e

LUCA LUNARDINI MEDICO-CHIRURGO, SPECIALISTA UROLOGO CON INCARICO DI ALTA SPECIALIZZAZIONE IN ANDROLOGIA, DIRIGENTE MEDICO PRESSO LA UNITÀ OPERATIVA DI UROLOGIA DELLA A.S.L. 12 VERSILIA. E’ CONTATTABILE, PER QUALSIVOGLIA APPROFONDIMENTO, VIA EMAIL AL SEGUENTE INDIRIZZO:    LUCA.LUNARDINI1@TIN.IT

No comments