“Il sacerdote deve ubbidire al Vescovo, ma noi continuiamo a raccogliere firme”

0

CAMAIORE – “Abbiamo letto ieri la lettera “scritta” da Don Damiano, con la quale ha dimostrato grande umiltà di fronte a certe dinamiche interne della Curia, ma il fatto che abbia accettato “con sofferenza” ci rivela uno dei voti della vita sacerdotale :il voto dell’ obbedienza. Il sacerdote deve ubbidire al suo vescovo e ovviamente questo comporta un subire la decisione presa più che un accettare”. La nota arriva dal  comitato promotore petizione per Don Damiano:” Il popolo camaiorese ha però capito che dietro la penna che ha scritto la lettera c’era fino ad un certo punto la mano del nostro Don Damiano e che dietro a questa decisione di trasferimento ci siano scenari ben più ampi di quanto possiamo credere. Noi siamo fuori dalla gerarchia ecclesiale e quindi possiamo e dobbiamo far sentire la nostra voce. Per questo e per il silenzio che ancora avvolge la Curia nella persona del Vescovo e dei suoi segretari nonostante il grido di “Perché?” da parte di un popolo profondamente ferito e conscio di essere depredato di un uomo talmente carismatico e caritatevole, invitiamo ancora i fedeli a firmare la petizione nei tre punti della città già esistenti (Cartoleria da Carlino, Yogorino e il Bar la stella) fino a lunedì 26 settembre e domani venerdì 23 settembre con una raccolta firme in piazza della collegiata”.

No comments