Mastoplastica: chi sono i migliori chirurghi della Toscana?

FIRENZE – Il mercato della chirurgia estetica in Italia vale 11 miliardi: cresce la richiesta di interventi e trattamenti estetici e resta in pole position la mastoplastica additiva.

La chirurgia estetica è uno di quei settori che non sembra conoscere crisi e che viaggia a vele spiegate di pari passo con l’esigenza di bellezza che tocca da vicino la società moderna. Per fornire qualche dato, così da comprendere meglio ciò di cui si sta parlando, nel 2017 il settore della bellezza ha riscontrato una crescita del fatturato di circa 1 miliardo sul precedente anno.

Negli ultimi anni si è assistito al boom della medicina estetica mentre, tra gli interventi di chirurgia estetica, quello per l’aumento del seno continua ad essere il più richiesto dalle donne (15,8%). Stando ai dati raccolti dall’International Society of Aesthetic Plastic Surgery Isaps, la più grande associazione internazionale di chirurghi plastici estetici, seguono in classifica la lipoaspirazione e la blefaroplastica, per ringiovanire le palpebre. In base a questo studio, sono quasi 22 mila le donne che, in Italia, hanno scelto di farsi impiantare le protesi per aumentare il volume del seno.

Mastoplastica additiva in Toscana: a chi rivolgersi per questo intervento?

Ad Arezzo, con studi a Firenze, Roma e Arezzo, abbiamo il Dott. Piergiuseppe Migliorini, chirurgo estetico con esperienza trentennale nella tecnica della mastoplastica additiva.
A Pisa il Dott. Gianfranco Romeo, specialista in Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica con studi a Pisa e La Spezia, esperto, tra le altre tecniche, di mastoplastica addittiva.
A Lucca abbiamo il Dott. Marco Biagi, collaborazioni con importanti ospedali e cliniche della Toscana, del Lazio e del Veneto, in particolare nelle sedi di Lucca, Pisa e Treviso.
A Siena il Dott. Carlo D’Aniello, UOC Chirurgia Plastica dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Senese, che attua una nuova tecnica, l’utilizzo del tessuto mammario della stessa paziente che, attraverso una modulata plicatura del polo inferiore del seno, consente di conferire volume e proiezione alla mammella.
A Firenze incontriamo il Prof. Mario Dini, uno dei migliori chirurghi estetici italiani, toscano, professionista esperto in mastoplastica con Studi a Milano, Roma e Firenze. Al Prof. Dini abbiamo fatto qualche domanda in merito all’intervento di mastoplastica additiva. “Indubbiamente la Mastoplastica additiva è la tecnica più richiesta dalle donne, un bel seno resta uno dei desideri più ambiti, confermandosi come l’intervento chirurgico più richiesto dalle donne italiane con motivazioni molteplici ma fondamentalmente riconducibili a disagi psicologici e sociali, determinando un aumento dell’autostima ed un miglioramento dei rapporti interpersonali”.

Prof. Dini, lei è nella lista dei migliori chirurghi in Toscana e in Italia, ci spieghi l’intervento step by step.
La scelta del tipo di protesi, della via di accesso e della posizione della protesi in sede pre – o retro-muscolare dipendono dallo stato dei tessuti, dalla magrezza della paziente, dal volume che si vuole ottenere. Il nuovo seno deve essere in armonia con il resto del corpo, proporzionato e quanto più naturale possibile. L’intervento si esegue in anestesia generale in regime di day hospital. Solo in casi ben selezionati si può ricorrere ad un approccio mini-invasivo in anestesia locale senza necessità di ricovero come nel caso di seni piccoli, in cui si voglia aumentare il volume di una taglia o qualora si voglia ricorrere al lipofilling: l’aumento volumetrico del seno con il proprio tessuto adiposo”.

E il post-operatorio anche per pazienti con impegni di lavoro e attività fisica?
Dopo l’intervento la paziente indosserà un reggiseno comodo ed una fascia per almeno un mese. Non dovrà praticare sport per almeno 6 settimane. Il dolore che nasce dalla distensione del muscolo pettorale è gestibile con terapia farmacologica e generalmente regredisce nel giro di poco tempo. Tuttavia, mi sento di affermare con sicurezza, nella maggior parte dei casi, il risultato è talmente entusiasmante che fa dimenticare tutto il resto.

(Cristina Vannuzzi Landini)