Sesso e dintorni: amore malato, sexting, approcci via web e malattie visti dagli esperti

0

VIAREGGIO – Sesso e dintorni. Dall’amore sano all’amore malato, dallo stalking al femminicidio. Poi gli approcci, cambiati culturalmente, non solo tra i giovani, oramai affidati al web, con le chat, e i pericoli che si celano nel mondo virtuale. E per finire le malattie sessualmente trasmissibili. Di questo, e di molto ancora, si è parlato, oggi, all’ultimo appuntamento di Conversapero al bagno Genova di Viareggio, il “salotto” medico ideato dalla psicosessuologa Patrizia Mascari. “Sessualmente salubri”, il tema dell’incontro che ha visto come moderatore la giornalista di TGregione.it Letizia Tassinari e come relatori la psichiatra Giada Marini, lo psicologo Massimo Lavaggi e il ginecolo, primario al “Versilia”, dottor Gian Paolo Cima.

Alla psichiatra Marini il compito di illustrare al pubblico le differenze tra le forme di amore sano da quello “malato”, in riferimento  all’amore come dipendenza e “sostanza di abuso”, argomento facilmente  collegabile alla dipendenza dalla tecnologia che oggi dilaga grazie ai piccoli dispositivi multufunzionali.  Il tema della sessualità e dei social media, e di come le varie app ed i social network influenzano la vita sessuale delle persone, ad esempio il sexting, e come inducono mutamenti di tipo culturale nei costumi sociali e quali problematiche ne possono derivare, è invece stato affrontato dallo psicologo Lavaggi. Le infezioni sessualmente trasmesse con particolare attenzione per il papilloma virus, e riflessi che tali infezioni possono avere sulla gravidanza ed anche nelle varie età delle donne soprattutto dalla 5° decade di vita in poi, oltre che l’HIV e la sifilide, sono invece stati il tema dell’intervento di Cima che ha poi parlato di un argomento di provocazione: malattie sessualmente trasmesse e migranti.

 

 

 

No comments