Sanità, il sindaco di Stazzema scrive a Giorgio Del Ghingaro

STAZZEMA – Sanità, il sindaco di Stazzema scrive a Giorgio Del Ghingaro:

 

 

“Caro Sindaco,

dopo il Consiglio Comunale congiunto del 1° febbraio a Villa Bertelli ed aperto alla partecipazione dei cittadini e delle parti sociali, come ben saprai, sono stati posti in discussione tutta una serie di argomenti da affrontare nella conferenza dei sindaci, in quanto si tratta di temi tutti riservati alla stessa, che tu presiedi. Alcuni punti sono necessariamente da sviluppare in stretta collaborazione con la ASL , che ha partecipato al Consiglio Comunale con il Direttore Dottoressa De Lauretis, che si è già resa disponibile . Visto che non eri presente al Consiglio del 1° febbraio (avvertendo un collega di questa assenza ), ho ritenuto utile nell’interesse di tutti noi sindaci far sintesi su quanto emerso durante il dibattito, e soprattutto sulla necessità di istituire un tavolo di lavoro od un Osservatorio aperto alla partecipazione delle parti sociali e comitati. Pertanto ho proposto a nome di tutte le amministrazioni comunali della Versilia, quindi anche a nome tuo, di convocare questo tavolo nella settimana dal 20 al 23 febbraio.

La Conferenza dei Sindaci della Versilia ha individuato in te il Presidente, e sono certo che accoglierai e condividerai questa esigenza, pertanto ti estendo la richiesta per  avviare questo percorso concertato su alcuni temi posti in discussione.

Ritengo che la sanità, il sociale e l’ospedale della Versilia siano  temi che accomunano tutti,  temi che tutti vogliamo affrontare con la massima attenzione.

E’ necessario sgombrare eventuali scenari rappresentati nel consiglio aperto, e soprattutto evitare e soffocare lo sciacallaggio politico che danneggia, urla, ma non risolve alcunché. Per evitare quanto  sopra, c’è la necessità di partire con un percorso concertato che ponga sul tavolo i problemi veri, noti, che individui un crono programma per affrontarli, che tutti conoscano gli strumenti e le risorse a disposizione e che si riesca insieme a rafforzare il tuo ruolo di Presidente, nei confronti dell’Azienda e della Regione, per rivendicare un servizio adeguato alle esigenze del nostro territorio, della Versilia residenziale e della Versilia turistica, questo aspetto va rivendicato con forza.

Renderò  pubblica questa lettera a dimostrazione del fatto  che non voglio sostituirmi a nessuno, ma che questo processo di discussione è altresì urgente e non rinviabile e un impegno al quale non voglio disattendere”.