Sanità, Scaramelli (Italia Viva): Siena ai vertici della Toscana

“A Siena le capacità e la qualità della dirigenza nominata in questa legislatura, unita al lavoro quotidiano dei professionisti, vedono le Scotte ai vertici della sanità regionale come certificato dai dati elaborati dal MeS, Laboratorio Management e Sanità del Sant’Anna di Pisa, che registrano la crescita e ottimi risultati per l’ospedale Santa Maria alle Scotte”. A dirlo Stefano Scaramelli, presidente della commissione sanità del Consiglio regionale e capolista di Italia Viva, che aggiunge: “Parallelamente all’investimento sul capitale umano è arrivato quello sulle strutture per 250 milioni di euro. Risultati importanti e significativi che danno la cifra della qualità e dei risultati raggiunti in questi anni. La tenuta della sanità senese ha consentito in questa provincia anche di contenere i contagi rispetto alla media regionale, registrando la metà di quella nazionale. Anche la percentuale dei guariti, come dimostrano i dati AUsl Toscana Sud Est, registrano una situazione migliore della media. In questi anni di lavoro in Commissione sanità del Consiglio regionale l’attenzione è stata rivolta anche alle nuove generazioni di medici. Un esempio su tutti l’aumento esponenziale delle borse di studio per le scuole di specializzazione.
Dopo aver iniziato una battaglia affinché, su scala nazionale, si proceda alla programmazione di lungo periodo e all’aumento di borse di studio per le Scuole di specializzazione in area sanitaria, sono riuscito a portare a 132 i contratti aggiuntivi regionali di formazione specialistica. Un record mai registrato in Toscana.
All’arrivo di nuovi professionisti altamente qualificati si è legato lo sviluppo della ricerca integrata tra Scotte e Toscana Life Sciences e nell’azienda Ospedaliera sono arrivati nuovi reparti e strumenti diagnostici innovativi. Oltre 9 milioni e mezzo di euro per il pronto soccorso pediatrico e 5 milioni di euro per il nuovo hospice di Siena. Altri 42 milioni di euro, già stanziati, verranno garantiti nelle prossime settimane per far partire nuovi lavori. Elementi che rappresentano – conclude Scaramelli – la dimostrazione concreta di quanto Siena sia diventata centrale nelle politiche sanitarie regionali”.

scaramelli