Scandalo don Euro, il gigolò alla “Vita in Diretta”: “Ecco perchè l’ho denunciato”

0

MASSA – Francesco Mangiacapra, il gigolò partenopeo di cui Don Euro – al secolo Luca Morini, il prete la cui vicenda di festini a base di sesso e droga, con i soldi dei parrocchiani, è finita nel mirino della Procura di Massa che sta ancora indagando – era cliente, TGRegione.it lo aveva già intervistato lo scorso febbraio ( LEGGI ANCHE: Prete hard, parla l’escort che ha denunciato don Euro … ).

15032218_10210915957235603_4116395383536365227_nE oggi pomeriggio, su Rai 1, a “La vita in diretta”, Francesco ha ripetuto le sue “accuse”, ai microfoni della giornalista Giovanna Savini, con nuove rivelazioni: “Ho conosciuto don Euro in un locale a Napoli, e mi è stato proposto un incontro con lauto compenso. Cercava compagnia, e si era presentato come magistrato facoltoso, con conoscenze importanti”. Per scoprire che era un prete il gigolò ha richiamato il numero da dove il sacerdote lo chiamava, risultato quello della parrocchia: “Ho deciso di denunciarlo perchè un prete deve incarnare prinicipi religiosi”. “Arrivava sempre con vetture di grossa cilindrata, vetri oscurati e autista, e andava a fare shopping per poi andare a cena e in alberghi di lusso – ha aggiunto il sew worker mostrando alla giornalista il “tour”: “Champagne in camera, regali da favola – precisa.

Una testimonianza, quella del sex worker, ascoltato dai militari dell’Arma lo scorso aprie, che è stata basilare anche per gli inquirenti ( LEGGI ANCHE: Prete a luci rosse, l’escort: “Sono stato dai Carabinieri e  ). Il conto corrente del prelato, pochi giorni fa, è finito sotto sequestro ( LEGGI ANCHE: )

No comments

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: