Schumann e Liszt, a Pieve a Elici un viaggio nell’800 musicale pianistico

MASSAROSA – Un viaggio nell’Ottocento musicale pianistico sulle ali della musica di Robert Schumann e Franz Liszt. A offrirlo al pubblico del Festival di musica da camera della Versilia è il giovane e talentuoso pianista Giuseppe Albanese, che si esibirà nella chiesa romanica di Pieve a Elici domenica 9 luglio, alle 21.15, per il terzo appuntamento con la manifestazione organizzata da Associazione musicale lucchese e Comune di Massarosa.

Di Schumann, Albanese propone la Kreisleriana, op. 16, otto fantasie per pianoforte che traggono ispirazione da un personaggio creato dallo scrittore E. T. A. Hoffman, Kreisler, maestro di cappella, musicista romantico in lotta con la dura realtà scaturita dalla rivoluzione di fine Settecento. Un personaggio fittizio al quale Schumann, che in quel periodo stava affrontando varie traversie sia dal punto di vista artistico che privato, si sentiva particolarmente vicino. Dall’autoritratto musicale di Schumann, all’omaggio alla letteratura italiana di Franz Liszt con Après une lecture de Dante. Fantasia quasi Sonata, tratto da Années de pèlerinage–Deuxième année: Italie, una sorta di vastissimo diario di viaggio in musica per comporre il quale il compositore si ispirò al suo peregrinare attraverso l’Europa e che impiegò ben vent’anni per portare a termine. Sempre da un viaggio, ma questa volta in terra iberica, prende spunto Rhapsodie espagnole, secondo brano di Liszt che Albanese proporrà a Pieve a Elici.

Giuseppe Albanese vanta un curriculum di studi straordinario. A 17 anni si diploma in pianoforte al Conservatorio “G. Rossini” di Pesaro. A 25, diventa professore universitario a contratto di “Metodologia della comunicazione musicale”. Nel frattempo, ottiene un successo dopo l’altro in importanti concorsi in Italia e all’estero. Invitato per recital e concerti nei maggiori teatri del mondo, ha collaborato con direttori di livello internazionale. In Italia ha suonato per tutte le più importanti stagioni concertistiche e si è distinto per essere stato l’unico pianista a essere invitato a suonare in undici prestigiose fondazioni liriche: il Petruzzelli di Bari, il Comunale di Bologna, il Teatro Lirico di Cagliari, il Teatro del Maggio Musicale Fiorentino, il Carlo Felice di Genova, il Teatro San Carlo di Napoli, il Massimo di Palermo, il Teatro dell’Opera di Roma, il Verdi di Trieste, la Fenice di Venezia, l’Arena di Verona. Nel 2014 ha debuttato su etichetta Deutsche Grammophon con un concept album dal titolo “Fantasia”, con musiche di Beethoven, Schubert e Schumann.

I concerti iniziano alle 21:15. La biglietteria apre alle ore 20:15.
Biglietto: intero 12 euro, ridotto 10 euro
Programma completo su www.associazionemusicalelucchese.it

Lascia un commento