Scuole, la proposta: distributori automatici con frutta, latte e prodotti sani

0

VERSILIA – Più biologico e più prodotti “local” nelle mense e nei distributori automatici delle scuole per migliorare lo stato di salute degli studenti e combattere l’obesità. Alla vigilia dell’avvio del nuovo anno scolastico in programma venerdì 15 settembre Coldiretti invita, nuovamente, a prendere in esame la possibilità di inserire il maggior numero di prodotti locali nelle mense scolastiche del territorio. Abituare i bambini a mangiare prodotti stagionali, possibilmente prendendo in esame il rifornimento presso le imprese locali, rappresenta una delle leve del progetto di Campagna Amica che Coldiretti ha declinato, sul territorio, attraverso la presenza diffusa di mercati a filiera corta, fattorie, agriturismi e botteghe. Secondo Coldiretti la scuola è lo strumento strategico per un’educazione alimentare all’insegna dei prodotti sani: il 20% dei genitori dichiara infatti che i figli non consumano quotidianamente frutta e verdura, mentre il 36% consuma ogni giorno bevande zuccherate. “Più di un bambino su cinque è in eccesso di peso e quasi uno su dieci è addirittura obeso – spiega Maurizio Fantini, Direttore Coldiretti Lucca citando l’ultimo rapporto “Okkio alla salute” realizzato tra i 6 ed i 10 anni – La scuola è sicuramente il luogo privilegiato dove iniziare ad introdurre prodotti locali, stagionali e a km zero limitando bevande zuccherate e cibo spazzatura che ha effetti non solo sul peso. Pensiamo ai menu delle mense dove possono e devono trovare spazio prodotti agricoli di qualità e ai distributori automatici, in occasione degli spuntini, dove sostituire le bevande zuccherate con latte e frutta fresca, spremute e verdura snack. La rivoluzione alimentare inizia dai banchi di scuola anche utilizzando un po’ di ingegno e creatività nel presentare i piatti”. Coldiretti sta dialogando con il Bio Distretto sull’ipotesi di utilizzare prodotti bio nelle mense di Lucca, Capannori e di altri comuni della provincia. “E’ una ipotesi – spiega ancora Fantini – che ci trova pienamente disponibili a concretizzarla. Coldiretti è pronta a mettere in campo le sue aziende insieme ai loro prodotti”. Il progetto di educazione di Coldiretti va avanti: “Anche in quest’anno scolastico continueremo il nostro progetto con l’obiettivo – conclude Fantini – di formare dei consumatori consapevoli sui principi della sana alimentazione e della stagionalità dei prodotti per valorizzare i fondamenti della dieta mediterranea e ricostruire il legame che unisce i prodotti dell’agricoltura con i cibi consumati ogni giorno e fermare il consumo del cibo spazzatura con l’aiuto indispensabile di tutti i docenti”.

No comments

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: