Severino, revocata la sospensione di Massimo Mallegni: il Tribunale accoglie il ricorso

0

PIETRASANTA – Il Tribunale Civile di Firenze accoglie il ricorso d’urgenza di Massimo Mallegni. Dura 13 giorni la sospensione del neo sindaco di Pietrasanta eletto lo scorso 15 giugno con il 54% dei voti e raggiunto, il 3 luglio, dagli effetti della legge Severino applicata al suo caso nonostante al momento della sentenza, il 3 aprile 2012, la legge non esistesse, Mallegni fosse libero cittadino e non ricoprisse nessun incarico. Una tesi sostenuta dai suoi avvocati, Sandro Guerra e Domenico Iaria di Firenze ed in più occasioni dallo stesso sindaco di Pietrasanta che potrà tornare, già da oggi, al suo posto. Mallegni ha affidato alla sua pagina ufficiale il primo commento: “Amici Carissimi, come dico da tempo giustizia esiste ed é ben amministrata. Da mezz’ora sono stato reintegrato nella pienezza delle mie funzioni di Sindaco. Un Giudice serio, ha impiegato qualche giorno per studiare il provvedimento e mi ha reintegrato. Forse prima di sospendermi si doveva impiegare un po’ più di tempo per approfondire la legge. Grazie a tutti coloro che mi hanno sostenuto e mi sostengono. Un abbraccio va al mio amico Antonio Meccheri. Antonio – ha detto riferendosi al cittadini ed amico che sta facendo lo sciopero della fame e della sete per protesta – mangia e bevi”.

Soddisfatto il legale di Mallegni, Sandro Guerra: “Il Giudice designato dottor Alfonso Florio ha ravvisato la fondatezza del ricorso ed anche l’urgenza di sospendere il provvedimento fissando al contempo udienza di discussione, sul merito del ricorso, per il 12 agosto. Potrei dire: l’avevo detto io. Ma non lo farò ed ancora una volta rilevo che tutte le volte che Mallegni finisce di fronte ad un giudice qualcuno condivide le nostre tesi”.

A difesa e sostegno di Mallegni era sceso in strada, alcuni giorni fa, anche un gruppetto di liberi cittadini che avevano percorso in silenzio il centro storico accompagnati da cartelli con la scritta “democrazia sospesa” ma sono state tantissimo le attestazioni e le prese di posizione trasversale e condivisa da parte del mondo politico, sia di centro destra che centro sinistra. L’ultimo era stato, alcuni giorni fa, il leader della Lega, Matteo Salvini che aveva parlato della “solita vergogna all’italiana”. “Questa vicenda – conclude Mallegni – non archivia quella che sarà la mia azione politica. Questo paese deve cambiare profondamente: il popolo deve poter tornare a contare”.

 

No comments

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: