Si sdraia sul lungomare e urla: “Con i profughi la sicurezza è al collasso”

MASSA – “La presenza dei profughi nella nostra città sta minando la Sicurezza dei cittadini e ciò non solo a causa di una disorganizzazione totale da parte delle istituzioni e degli organi preposti ai controlli, ma soprattutto per l’ alto numero di stranieri presenti, tra i quali anche soggetti che delinquono e creano problemi”. La nota stampa arriva da Stefano Benedetti, consigliere di Forza Italia:” Per ultimo il senegalese che ieri ha dato in escandescenze  sul lungomare sdraiandosi per terra, urlando a squarciagola ed infastidendo i passanti. L’altra settimana la polizia é dovuta intervenire in via San Leonardo perché una donna africana incinta é stata letteralmente cacciata di casa e si é sdraiata in mezzo alla strada.Poi c’è il problema delle profughe africane, ma anche  diversi maschi di colore, che durante la notte si prostituiscono in viale delle Pinete nella zona dove insistono le strutture di accoglienza, basta passare da quelle parti intorno alle 2 di notte per poterle osservare. Nella stessa zona e più precisamente di fronte all’ingresso dell’ Ugo Pisa, le spaccate delle auto con furto sono all’ ordine del giorno e sono diversi i profughi che girano a piedi ed in bicicletta osservando le auto parcheggiate e guardando all’interno degli abitacoli, nel merito ogni giorno avvengono mediamente due o tre furti in auto per non parlare delle biciclette sparite nella zona tra Marina di Massa e Partaccia che sono nell’ultimo anno sono state centinaia. Insomma, una situazione insostenibile che dovrebbe essere affrontata con maggiori mezzi e uomini delle Forze dell’ Ordine soprattutto durante le ore notturne, ma che in realtà viene lasciata al proprio destino. La preoccupazione deriva anche dal pericolo di diffusione di malattie, poiché nel caos totale sembrerebbe a detta di alcuni medici che non venga eseguita regolarmente la profilassi preventiva come stabilito dal Protocollo ministeriale e perfino diverse associazioni  che operano nel settore si lamentano per la mancanza di strumenti di protezione che non gli sarebbero stati consegnati e ciò, ovviamente, é motivo di preoccupazione per il possibile diffondersi di malattie. Ma non é una novità che le Forze dell’ Ordine hanno a disposizione scarsi organici e pochi strumenti per poter affrontare in modo dignitoso il problema della microcriminalità. Un’altra questione che dovrebbe essere presa nella giusta considerazione é il consumo esagerato di alcol da parte dei profughi, che viene generalmente reperito nei supermercati e che in parte é causa di risse e comportamenti incivili. Proprio qualche giorno fa a Marina di Massa alcuni profughi ubriachi hanno infastidito all’interno di un negozio alcune ragazze che stavano facendo acquisti e il tutto si é risolto solo dopo la minaccia di far intervenire la Polizia. Credo che il Sindaco e la Prefettura dovrebbero ordinare il divieto di consumo di alcol per i profughi e soprattutto dovrebbero interessarsi della questione i soggetti che li accolgono e li seguono, ma in realtà ciò non accade. Attualmente a Massa ci sono più di 200 profughi che sono destinati ad aumentare a dismisura, poiché giornalmente ne arrivano circa 2O e ciò può diventare un grosso problema. Poi, non é possibile che i profughi che vengono fermati per aver commesso un reato o per comportamenti para illegali possano ritornare tranquillamente nei loro  centri di accoglienza, anche quando si tratta di comportamenti sessuali deviati come il caso avvenuto in un parco dj Marina di Massa qualche giorno fa, quando due gay africani si sono esibiti nudi pubblicamente in atti sessuali, scatenando le ire dei frequentatori e rischiando anche il linciaggio. Vediamo sempre più spesso profughi acquistare bottiglie di alcolici e superalcolici nei supermercati e ciò, stante la lo condizione di profughi di guerra ospitati per umanità e solidarietà, non dovrebbe accedere e nel merito ribadisco il concetto già sopra esposto che é necessaria u ordinanza di divieto di consumo di alcool e aggiungo di divieto di acquisto per tutti gli ospiti dei cinesi dj accoglienza.  Anticipo che sulla questione a partire dalla settimana, saranno organizzate diverse iniziative con il coinvolgimento diretto dei cittadini stanchi di questa pesante situazione e soprattutto impauriti da quello che sta accadendo e che potrebbe accadere in futuro a causa di una eccessiva presenza di stranieri sul nostro territorio. La mia proposta é quella di costituire diverse “Squadre di Controllo Profughi” che oltre a pattugliare il territorio alla ricerca di ladri, potrebbero, controllare il comportamento,e i movimenti egli stranieri,  facendo invenire le Forze dell’Ordine ogni qual volta si verifichino episodi illegali e irregolari. Poi, ovviamente, sarà necessario espellere questi delinquenti  che si macchiano di reati”

Lascia un commento