Sicurezza a Viareggio e TDL, Santini: “Non possiamo subire l’inerzia di questa giunta”

“Non possiamo subire così, indifesi, l’inerzia di questa giunta sulla sicurezza pubblica”: così il capogruppo di Forza Italia in consiglio comunale a Viareggio, Alessandro Santini, dopo i gravi episodi che si sono verificati in piazza Dante a Viareggio (spari con pistola ad aria compressa contro la vetrata del bar della stazione) e sulla Marina di Torre del Lago Puccini, dove un bambino è stato colpito da una bottiglia lanciata durante una rissa fra stranieri. Preoccupazione condivisa anche dal coordinatore comunale Marco Dondolini e dal portavoce Athos Pastechi che, insieme a Santini, chiedono all’amministrazione Del Ghingaro di impegnarsi con forza e concretezza sul fronte della sicurezza.
A marzo, quindi più di tre mesi fa, proprio Santini aveva già sollecitato sindaco e assessore alla libertà urbana a spiegare quale sarebbe stato il piano per l’estate: “Avevo chiesto, fra le altre cose – ricorda – se sarebbe stato operativo il servizio H24 per la polizia municipale, visto che il sindaco ci ha comunicato l’uscita dal dissesto e quindi una rinnovata capacità di spesa per il nostro Comune; e quante pattuglie l’assessore Manzo e la comandante Pagni intendessero destinare in modo fisso a Torre del Lago Puccini, visto che il distaccamento della frazione è stato smantellato”. Domande poste “non perché mi aspettassi un’interlocuzione – precisa il capogruppo forzista – ma per cercare di portare all’attenzione di questa giunta uno dei temi che, come lo sport, sembra quasi di ordine secondario: la sicurezza di cittadini e turisti”.
Quello che manca, secondo Santini, è proprio un indirizzo tecnico chiaro e una sensibilità politica adeguata per il territorio di Viareggio: “Non è mettendo gli stivali ai piedi dei vigili urbani che si fa sicurezza – conclude – ma prendendosi le responsabilità normali di amministratori normali. Sta passando il messaggio di una Viareggio non sicura e non curata, e la colpa non è certo di chi fa il suo lavoro raccontando i fatti della nostra città: sindaco e assessore battano un colpo, se ci sono”.