Sicurezza: fermati 3 sinti in pieno centro storico, erano in possesso degli arnesi per lo scasso

0

PIETRASANTA – Hanno tentato di infiltrarsi in un’abitazione in pieno centro, poco prima delle dieci, sicuri di non essere visti da nessuno. Ma l’attività di pattugliamento della Polizia Municipale di Pietrasanta li ha bloccati prima che potessero scassare la porta ed entrare nell’abitazione che avevano individuato nella centralissima via XX Settembre. E’ successo lunedì 29 agosto. I tre fermati sono sinti, tutti residenti nel pisano, e sono stati trovati in possesso di un cacciavite di grosse dimensioni a punta piana della lunghezza di circa 26 cm e di due paia di guanti, e due pile tascabili: strumenti che gli sarebbero serviti per intrufolarsi nell’abitazione (ed in più abitazioni). Uno dei tre sinti fermati, e poi segnalati al Commissariato della Polizia di Stato di Forte dei Marmi al momento del passaggio della volante della Polizia Municipale coordinata dal Responsabile del Comando, Giovanni Fiori, con a bordo tre agenti, si era immediatamente liberato di un paio di guanti di colore nero che indossavano e che sono stati rinvenuti a terra nelle immediate vicinanze sotto un’auto. “Questa operazione – spiega Andrea Cosci, Assessore alla Polizia Municipale – è frutto dell’attività costante di pattugliamento del nostro territorio. La presenza dei nostri agenti è stata decisiva per individuare i tre ladri. Al passaggio della volante i tre delinquenti si sono accovacciati per sfuggire allo sguardo degli agenti che in maniera molto intelligente hanno parcheggiato più avanti, dando l’impressione di non averli visti, per poi tornare a piedi e fermarli poco prima che potessero forzare la porta. Nonostante il numero insufficienti di agenti di Polizia Municipale e l’impossibilità di procedere a nuove assunzioni a causa del blocco del Governo – spiega ancora Cosci – la nostra Polizia riesce a produrre risultati importanti su tutti i fronti e su tutti i settori segno dell’attaccamento al lavoro e alla città. Ringrazio il nostro comandante ed i tre agenti per aver condotto questa operazione con discrezione e grande capacità”.

L’auto dei tre sinti, parcheggiata ad una cinquantina di metri da dove sono stati fermati, era sprovvista di assicurazione e sottoposta a sequestro amministrativo. Uno dei due soggetti maggiorenni segnalati non aveva nemmeno la patente. Dai successivi accertamenti della Polizia di Stato è risultato che due giovani italiani e maggiorenni di etnia kosovara avevano precedenti per reati contro il patrimonio. Sono stati deferiti all’Autorità Giudiziaria per possesso ingiustificato di chiavi alterate o grimaldelli.

No comments

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: