Slow food premia gli oli extravergini: Toscana al primo posto in Italia

L’attesissima Guida agli Extravergini edita da Slow Food, che censisce così i migliori oli extravergine d’oliva italiani ogni anno, é stata pubblicata. Sono ben123 gli oli italiani selezionari recensiti, nonostante l’annata sia stata difficile per gran parte delle regioni italiane. Oltre cinquanta le aziende premiate per il loro “Grande olio“, un riconoscimento che spetta come da consuetudine a chi presenta un prodotto particolarmente pregiato dal punto di vista organolettico e racconta tramite il gusto il proprio territorio di provenienza. Quasi settanta extravergini, invece, hanno ottenuto il riconoscimento di Grande Olio Slow per il valore “delle pratiche agronomiche sostenibili applicate“.

La guida annovera i prodotti di diciassette regioni italiane. All’appello mancano solo Piemonte, Valle d’Aosta e Friuli Venezia Giulia, mentre al primo posto del medagliere si trova proprio la nostra Toscana, patria di una tradizione secolare nel settore, con ventidue oli premiati e dodifi “Grandi Olio Slow”. Quello made in Tuscany si conferma quindi il miglior olio italiano.

“Nonostante un’annata difficile in molte regioni – ha sottolineato Slow Food -, gli oli eccellenti sono oltre 120, segno di un settore molto attento e professionale, che rimane uno dei fiori all’occhiello del made in Italy”.