A Stazzema l’anagrafe nazionale antifascista: si potrà aderire dal 2018

STAZZEMA – Il Comune di Stazzema ed il Parco Nazionale della Pace istituiscono l’anagrafe Nazionale antifascista . Si potrà aderire all’inizio del prossimo anno

il sindaco Maurizio Verona : ‘L’obiettivo è diventare il comune più grande d’Italia’
Non un progetto contro qualcuno, ma in difesa dei valori della Costituzione a settanta anni dalla sua entrata in vigore. L’idea lanciata dal sindaco di Stazzema, Maurizio Verona è quella di una anagrafe degli antifascisti in Italia per combattere il diffondersi di episodi di intolleranza, di rievocazione dei totalitarismi dello scorso secolo, che fecero della violenza lo strumento di affermazione contro oppositori politici, minoranze etniche e religiose. Per entrare a far parte del Comune virtuale antifascista basterà sottoscrivere un form on line o mandare una mail o scrivere al Parco Nazionale della Pace così da raccogliere tutti coloro che condividono i valori che sono propri dell’antifascismo e che sono alla base della convivenza civile tra i cittadini. Potranno aderire tutti coloro che sottoscriveranno i principi della Carta che verrà predisposta nei prossimi giorni e che sarà attiva dal prossimo anno. Non è una iniziativa che vuole escludere qualcuno, ma anzi sottolineare l’importanza di partecipare ed essere parti per difendere il diritto di tutti a dire la propria, a difendere le minoranze, un impegno per una società solidale e partecipativa in cui tutti costruiscano le condizioni per una convivenza pacifica e la serenità. L’anagrafe raccogliere tutti coloro che credono nel sistema di valori che ha portato alla nascita della nostra democrazia, non una iniziativa politica, ma il riaffermare la bontà di alcuni principi. Il Sindaco di Stazzema nei prossimi giorni contatterà le massime cariche dello Stato per chiedere loro di aderire a questo Comune virtuale che va oltre i confini territoriali perché, spiega il Sindaco di Stazzema, far parte di questa anagrafe significa impegnarsi per la libertà di tutti di esprimere il proprio pensiero, di esprimere le proprie confessioni religiose, di credere nella eguaglianza davanti alla legge ed impegnarsi per difendere questi principi.
‘Il nostro riferimento è la nostra Costituzione i cui valori da tempo abbiamo espresso e recepito nel nostro Statuto Comunale con un riferimento chiaro a questi principi che devono e sono di tutti coloro che si riconoscono nella nostra democrazia’, commenta il Sindaco di Stazzema, Maurizio Verona, ‘da anni parliamo ai giovani sulla necessità di ricordare per costruire un mondo in cui non si ripresentino i totalitarismi. Lo facciamo nel Parco Nazionale della Pace di Sant’Anna di Stazzema che è un luogo di dialogo, di incontro e di confronto e non di scontro. Crediamo in questi valori e vogliamo lanciare un messaggio a tutti coloro che credono in questi stessi valori che sono quelli dell’antifascismo con la creazione di un Comune virtuale antifascista in un momento in cui sono tornati in auge simboli ed ideologie che dovrebbero appartenere al passato. L’esposizione in stadi e palazzetti dell’effigie di Hitler, le bandiere fasciste sventolate vicino ai luoghi degli anni eccidi, ricordo quella sul monte vicino Vinca, ma anche quella a Seravezza vicino al ponte del Pratale, il saluto romano allo stadio di Marzabotto, la crescita dei partiti xenofobi e neofascisti in tutta Italia, impongono una azione di memoria e di conoscenza dei fatti tragici del 1944, che si ripetono anche oggi un po’ in tutto il mondo. Vogliamo diventare il Comune più grande d’Italia con la semplice sottoscrizione di alcuni valori. Non lasciamo patenti di antifascismo, ma vogliamo coinvolgere tutti in un impegno. Con l’illuminismo si superò il concetto di Nazione come un qualcosa solo legato al sangue o al luogo di nascita, ma come condivisione di un patrimonio comune di valori. Noi vogliamo che tutti coloro che si riconoscono in certi valori si sentano accomunati in un impegno comune. Stazzema vuole essere qualcosa di più di un Comune, ma vuole essere un luogo che raccoglie chi si sente legato a questi principi. Si potrà aderire anche come Enti e come Associazioni e consentiremo di svolgere iniziative sul territorio di Stazzema solo a chi avrà sottoscritto questi valori che sono e devono essere patrimonio di tutti. Chiederò presto alle massime cariche dello Stato aderire’ .

Lascia un commento