Stupro a Massarosa, i socialisti omosessuali: “Gli italiani sono brava gente? Baldini cosa ha fatto per la comunità GLBT?”

1

VIAREGGIO – “Da giorni assistiamo ad un botta e risposta tra la Lega Nord, Baldini e le forze di destra da una parte e Repubblica Viareggina, i COBAS e le forze antagoniste dall’altra. Intendiamo intervenire in merito ricordando che nessuno ha parlato dell’omofobia e ha condannato il linguaggio sessista che una certa destra utilizza”.

La nota stampa arriva dai “Socialisti omosessuali”:

“Un linguaggio che non è solo offensivo e discriminatorio ma che alle volte diventa carburante per il pensiero patriarcale e maschilista. Gli stupri sono quasi sempre compiuti da maschi verso donne o omosessuali. Il movimento LGTBQ non solo non commette stupri ma di solito ne subisce. Qualcuno nel dibattito a sinistra aveva ricordato come lo stupro sia stato usato dai fascisti come azione politica ma poi ha lasciato cadere il tema. Noi intendiamo ricordare come proprio a Torre del Lago, estremisti di destra stuprarono una giovane lesbica nel settembre 2006. Dove era la Lega Nord allora? Dove era il signor Baldini in quel momento eppure si occupava già di politica? Dobbiamo per caso dedurre che forse se a stuprare è un criminale marocchino è un occasione d’oro per condannare e farci propaganda politica, se, invece, è un criminale italiano, e per giunta fascista, non è proprio l’occasione propizia per strumentalizzare. Gli stupri sono sempre atti odiosi e criminali da condannare con il massimo delle energie ma la differenza tra i due casi sta nel fatto che nella vicenda di Massarosa non è stata la nazionalità della vittima o del carnefice a far scattare l’azione criminale mentre nell’episodio di Torre del Lago del 2006 le idee politiche degli stupratori e i gusti sessuali della vittima furono movente scatenante. Lo capiranno gli impavidi forzanuovisti che escono la notte per ridicole passeggiate notturne? Ma non è la prima volta che si usa un crimine odioso come lo stupro per alimentare il razzismo, durante la seconda guerra mondiale i repubblichini attaccavano manifesti con l’effige del soldato nero americano accusandolo delle peggiori nefandezze omettendo, invece, quello che loro come colonizzatori avevano compuito in Grecia, Albania, Somalia, Eritrea, ecc.. Ma si sa gli “Italiani sono brava gente” anche quando gli storici parlano con chiarezza di stupri fascisti e perfino di pedofilia. Crediamo che i forzanuovisti non possano imparare niente dalla storia e che il loro obbiettivo è quello della mistificazione storica in attesa di compiere qualche gesto vile che per loro, e solo per loro, diviene eroico. Baldini da questa gente avrebbe dovuto prendere le distanze ma non l’ha ancora fatto e ci chiediamo come mai? Inoltre, Baldini, invece, di perdere tempo a querelare chi mette striscioni antirazzisti, tra l’altro se la polizia non ne ha ancora rimosso uno è evidente che non ci ravvede reati, perché non ci spiega cosa ha fatto per Torre del Lago in questi anni? Che cosa pensa del turismo LGBTQ e del perché non ha fatto niente per impedire che questa voce importante dell’economia della frazione non entrasse in crisi? Concludiamo con una considerazione sul bello striscione appeso da Repubblica Viareggina “Nessuna guerra tra i popoli nessuna pace tra le classi.” Perché il messaggio sia completo si dovrebbe anche scrivere: “Nessuna discriminazione tra i generi, nessuna agibilità per omofobi e sessisti.” Da parte nostra, come socialisti omosessuali, siamo pronti a mobilitarci contro l’avanzata delle destre più brutali”.

1 comment

Post a new comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: