Facebook lancia l’assistente virtuale di chat. Si chiama M e presto arriverà in Italia

0

ROMA (di Alba Modugno) – Ancora una novità per gli utenti di Facebook: negli scorsi giorni il social network di Zuckerberg ha lanciato negli Stati Uniti M, l’assistente virtuale di Messenger che darà suggerimenti all’interno delle chat.

Adeguandosi ad una linea piuttosto condivisa, ossia quella dell’intelligenza artificiale su smartphone, il nuovo assistente di Facebook si affianca ai già noti Siri, Cortana, Google Allo e Bixby, tutti assistenti capaci di dar consigli e in generale interagire con l’utente.

Annunciato ad agosto 2015 da Zuckerberg proprio come un piccolo esperimento di intelligenza artificiale, M è già disponibile e attivo sugli smartphone degli americani, i quali d’ora in poi sono dunque supportati nel compiere una serie di azioni da tastiera, come organizzare viaggi o semplici spostamenti, prenotare voli o ristoranti, acquistare regali, pianificare attività, eccetera eccetera.

E’ quindi evidente che si tratti molto più che di un semplice suggeritore di chat, che propone adesivi giusti al momento giusto: “M è un assistente digitale personale integrato in Messenger in grado di completare operazioni e trovare informazioni” ha spiegato David Marcus, responsabile di Facebook Messenger. “È gestito da un’intelligenza artificiale che è istruita e supervisionata da un team di persone. A differenza di altri servizi basati sull’intelligenza artificiale, M può davvero completare operazioni per vostro conto. Può acquistare cose, far sì che dei regali siano consegnati ai vostri cari, prenotare ristoranti, organizzare viaggi, appuntamenti e molto di più”.

La vera novità, infatti, sta nel fatto che M, essendo in grado di carpire la materia di cui si sta parlando in chat, può ad esempio suggerire opzioni di trasporto con Uber e Lyft, inviare la propria posizione, avviare sondaggi nei gruppi nel caso in cui ci sia una scelta da fare, ma soprattutto proporre l’opzione per lo scambio di denaro ogni qualvolta la conversazione verta su pagamenti da effettuare.

Alla base di tutto vi è la tecnologia del machine learning, ossia dell’apprendimento automatico, e attraverso questa M sarà in grado di estrarre e imparare nozioni e abitudini dalle chat degli utenti, ragion per cui più una conversazione viene utilizzata più l’assistente darà risposte precise e appropriate.

Ancora nessuna notizia certa a proposito dell’arrivo di Facebook M in Italia, ma si ipotizza che il rilascio in Europa possa avvenire nel giro di qualche mese e questo rende sicuramente entusiasti i più tecnologici fra gli italiani, o anche i più curiosi.

Per tutti gli altri, quelli più scettici o coloro che avvertiranno il nuovo assistente virtuale come un po’ troppo invadente, nessuna paura: M può essere comunque spento o silenziato.

No comments

*