Carnevale anno domini 2015, trionfa il carro di Breschi

0

VIAREGGIO –  Carnevale di Viareggio anno domini 2015… vince il carro di prima categoria d Massimo Breschi. “Quello che non vorrei vedere”, l’opera d’arte. Un carro, quello di Breschi, di grande attualità. Con un tema di cronaca: i pericoli del web, e la pedofilia e gli abusi sui minori, con il buffone, colorato, da una parte, e il mostro, nero, dall’altra. Il Carnevale di Viareggio di quest’anno premia l’arte, e un carro di “denuncia”. Una scelta di coraggio quella della giuria che ha messo in secondo piano, nella sua scelta, la tradizionale satira politica. Commozzione in piazza Mazzini, con la folla che applaudito alla vittoria, dedicata a Aurora Francesconi, morta nel tragico incidente a Torre del Lago, nel luglio scorso.

Tra i carri di seconda categoria il primo classificato è inveceIacopo Allegrucci.

Le classifiche

Prima categoria

1 “Quello che non vorrei vedere” di Massimo Breschi

2. Il grande freddo”    di Gilbert Lebigre e Corinne Roger

3. “Bella ciao” di Roberto Vannucci

4. “Mutti la grande madre” di Umberto e Stefano Cinquini

5. “Non ci fossiliziamo” di Carlo Lombardi

6. “Oro bianco” di Uberto e Luigi Bonetti

7. “Tentazioni” di Franco Malfatti

8.  ” Avanti piano quasi indietro” di Alessandro Avanzini

9. “Reformers” di Simone Politi e Priscilla Borri

10   “Riempici di gioia” di Fabrizio Galli

Seconda categoria

1.  …e il dolce è servito”  di Jacopo Allegrucci

2. “La grande bellezza”    di Edoardo Ceragioli

3. “Decibel”  di Luciano Tomei

4. “Tentami” di Emilio Cinquini

Mascherate in Gruppo

1-“Padiglione Italia” di Luca Bertozzi
2-“In punta di matita .. trucioli di carnevale” di Roberto de Leo e Vania Fornaciari
2-“Carnevale surreale” di Enrico Vannucci
4-“Rubiamo ai poveri per donare ai ricchi” di Libero Maggini
5-“Handpuppets” di Michele Canova
6-“In balia del vento” di Marzia Etna
6-“Happy” di Giacomo Marsili
8-“Che bordello” di Giampiero Ghiselli su progetto di Maria Chiara Franceschini
9-“… a mille ce né di giorni di aspettare” di Adolfo Milazzo

Maschere isolate

1. “Bergoglio e pregiudizio” di Michele Cinquini e Silvia Cirri
2. “Perdete ogni speranza o voi che entrate” di Andrea e Franco Pucci
3. “Mina ..vagante” di Fabrizio Fazzi e Alessandro Pasquinucci
4. Ce la faranno i nostri eroi” di Michelangelo Francesconi
5. “Luke .. io sono tuo Padre” di Daniele Chicca
6. “La mostra permanente di pittura” di Rodolfo Mazzone
7. “Il residente della repubblica” di Silvano Bianchi
8. “Tu vo fa napolitano” di Devis Serra
9. “Stò domando l’incendio” di Massimiliano Marmugi
10. “Una piccola impresa” di Alessandro e Paolo Vanni

Premio Fantasia “Sergio Baroni”
Al carro di seconda categoria “E il dolce è servito” di Jacopo Allegrucci

Premio Colore “Antonio D’Arliano”
Al carro di prima categoria “Oro bianco” di Uberto e Luigi Bonetti

Premio Modellatura “Alfredo Morescalchi”
Alla mascherata in gruppo “Padiglione Italia” di Luca Bertozzi

Premio Allegoria “Silvano Avanzini”
Al carro di prima categoria “Mutti, la grande madre” di Umberto e Stefano Cinquini

Premio Miglior Bozzetto “Guidubaldo Francesconi”
Al carro di seconda categoria “Decibel” di Luciano Tomei

Premio Scenografia “Alfredo Pardini”
Al carro di prima categoria “Bella ciao” di Roberto Vannucci

Premio della Critica “Giovanni Lazzarini”
Al carro di prima categoria “Quello che non vorrei vedere” di Massimo Breschi

Nel contest, con in giuria giornalisti e fotografi, per per la sezione viedeo ha vinto  “C’era una volta” di Chiara Natalin, e per la sezione foto 1° Samuele Marsili,  2° Fabio D’Amico e 3° Romina Falleni.

“Il Carnevale è stato possibile grazie a voi – le parole sono del commissario staordinario Valerio Massimo Romeo sono rivolte ai viareggini, salito sul palco, dopo aver assistito dalla tribuna d’onore a tutta la sfilata con la moglie e il Procuratore Capo della Procura di Massa dottor Aldo Giubilaro ( tribuna dove erano presenti  anche il candidato a sindaco Luca Poletti, che seppur massorese ha cantato a squarciagola tutte le canzone del Carnevale  e la senatrice Manuela Graniola).  Un Romeo commosso e al suo primo carnevale, che, confessa, è rimasto emozionato dai giganti di cartapesta. Poi, a sorpresa, un annuncio: “La previsione di bilancio si chiuderà in attivo.   “Arrivederci al 2016 – il saluto del Commissario del Carnevale Stefano Pozzoli – il Carnevale non muore”.

L’ammaina bandiera ha poi decretato la fine di questa edizione. E con i fuochi… si è chiuso il sipario su questa edizione targata Stefano Pozzoli: viva il Carnevale!

( qualche immagine del corso in notturna nei clic di Letizia Tassinari )

No comments

*