Fondo schiena senza veli su un carro, la denuncia di un babbo: “Gesto maleducato”

0

VIAREGGIO – “Sono un appassionato di fotografia, e amo Viareggio anche se ultimamente mi sta un po’ deludendo. Domenica ero al Carnevale come tutti gli anni e per tutti i corsi. Con la moglie e la bimba di 10nni”. A scriverci è un lettore di Tgregione.it, che nonostante sia un cassaintegrato, ha pagato il biglietto per sè e la famiglia e che è rimasto “choccato” da un’immagine immortalata in un clic che ci ha inviato: due chiappe al vento di un figurante di un carro, messe in bella mostra coram populo durante la sfilata. “La mia domanda – spiega – è questa: perché una famiglia dovrebbe portare il proprio figlio al Carnevale se poi dobbiamo offrirgli questo spettacolo? Io quando ho fatto la foto avevo la bimba accanto!! E allora?? Sarebbe giusto se questo ragazzo venisse espulso dal Carnevale per questo gesto molto maleducato e non carnevalesco che ha fatto”. Armato di foto, lo spettatore, è pronto a inviare il fondo schiena senza veli in Fondazione, in attesa di risposte. Anche se, per onor del vero, come ricordano tutti i viareggini, i fondi schiena furono oggetto di un carro allegorico a firma di Gionata Francesconi. Carro, questo, che il Comune poi espose in città davanti al Caprice per addobbare Viareggio l’anno successivo. Goliardata? A Carnevale tutto è concesso? “In giro si vede anche di peggio”, uno dei tanti commenti su Facebook.  I pro e i contro si scatenano. Probabile, se non certo, che si sia trattato solo di “bravata” e che lo stesso genitore, col passare delle ore, e lo “scemare” della “rabbia”, possa capire che il gesto non è stato “consono” a un luogo pubblico dove ci sono anche molti bambini, ma che in fondo… non ha commesso un gran “peccato”. E’ Carnevale, e ogni scherzo… vale!

No comments

*