“Porchette e… porchettate”

2

VIAREGGIO – “Tutti i settori della distribuzione, piccola o grande, ambulante o a posto fisso, possono convivere quando sono presenti nelle giuste proporzioni. Se ciò non avviene sorgono inevitabilmente dei guai ed è inutile, a posteriori, cercare di rimediare alla frittata, o se preferite alla porchettata.

La nota stampa, che pubblichiamo integralmente, è di Ascom:

“Le attuali polemiche sul villaggio della porchetta, autorizzato dalla Fondazione Carnevale durante i corsi mascherati dimostrano che i nostri amministratori avanzano senza una strategia globale e senza collaborare con le categorie economiche, attori veri del commercio e dello sviluppo economico della Città.
Così, nel vano tentativo di salvare capra e cavoli, a farne le spese è, come al solito, la città di Viareggio.
Leggendo il bilancio preventivo della Fondazione, tra l’altro, il sovraffollamento di concessioni agli ambulanti non porta neppure maggiori ricavi, rispetto a quelli dell’anno scorso.
Appare quindi evidente che il peccato è “originale”, e quando così sono le cose, o si leva la piaga e cioè si tolgono i camion gastronomici dal corso, o altrimenti non c’è più rimedio a nulla: noi sappiamo che queste sono scelte dure, ma senza posizioni e decisioni chiare, inevitabilmente si batte nel muro, e questo lo sanno benissimo anche Confesercenti e Confcommercio.
L’Associazione Commercianti di Viareggio (ASCOM) è dalla parte dei commercianti della città che pagano tasse e affitti tutto l’anno, e che ogni giorno, in attesa dei brevi momenti di lavoro concessi dal calendario e dal meteo, vivono sulla loro pelle le avventure e le disavventure della Città, insieme ai propri dipendenti e fornitori.
L’amministrazione di Viareggio, soprattutto in questo lungo periodo di dissesto amministrativo, che è una delle cause di quello economico, non può essere gestita con così poca responsabilità”

2 comments

  1. Fra Diavolo 5 febbraio, 2015 at 14:59 Rispondi

    Domenica sono andato in Piazza Mazzini spinto dalle giornalate uscite in questi giorni. Tutto ho trovato fuorchè le porchette. Ho trovato una scelta di cibi che se li vuoi devi andare nelle regioni di provenienza. Per esempio: Arrosticini, Bombette di Alberobello, Tutto lo Streetfood della sicilia, i panigacci, l’Argentina, la Farinata Piemontese simile alla nostra Cecina, il Churro, etc.
    Domenica ci ritorno per assaggiare altre cose come la birra artigianale.

Post a new comment

*