Tragedia a Lucca, muore nel sonno a 24 anni

LUCCA -Sono andati in camera sua per svegliarlo, dopo averlo fatto dormire fino al tardo pomeriggio. Pensavano che avendo fatto tardi la notte dopo una festa con gli amici, stesse soltanto riposando. Invece, il loro figlio, Aldi Cala, di appena 24 anni, era morto. Una tragedia incredibile, che lascia sotto choc i familiari e i tanti amici che conoscevano il giovane, un lavoro stabile e una vita come quella di tanti, alla sua età. Per Aldi, ragazzo di origini albanesi ma residente a Pontetetto con i genitori, non c’è stato purtroppo niente da fare.

La scoperta della sua morte è avvenuta ieri (5 ottobre) nel tardo pomeriggio, ma il decesso, stando alle prime ricostruzioni dei medici, dovrebbe risalire a qualche ora prima. In casa, però, nessuno si era accorto di nulla. Il giovane, infatti, aveva trascorso il venerdì sera fuori con gli amici: non era rincasato che a notte fonda e i suoi genitori, resisi conto della cosa, lo avevano lasciato riposare in camera sua.

Quando però sono rientrati a casa nel pomeriggio, sono rimasti sorpresi di non vedere ancora il ragazzo sveglio. E sono entrati nella sua camera da letto per svegliarlo. Lo hanno chiamato, poi si sono avvicinati al capezzale. Il giovane, purtroppo, non rispondeva. Il suo cuore aveva già da tempo smesso di battere. Sono stati subito chiamati i soccorsi: il 118 ha inviato sul posto l’ambulanza della Croce Verde di Lucca e l’automedica ma era ormai tutto inutile.

I sanitari hanno dovuto confermare ai familiari che il ragazzo era deceduto.
Si cerca di capirne ora i motivi. Da un primo esame esterno, le cause del decesso sarebbero naturali: il giovane, secondo quanto raccontato anche dai genitori, svolgeva una vita regolare e non faceva uso di sostanze. La salma, dopo gli accertamenti del caso, è stata comunque condotta all’obitorio dell’ex ospedale Campo di Marte di Lucca.