Tragedia nella notte ad Ancona: sei morti al concerto di Sfera Ebbasta. Strage di giovani all’interno della discoteca ‘Lanterna Azzurra’

Sei persone sono morte e 120 rimaste ferite (una decina in modo grave), travolte dalla calca durante un fuggi fuggi in un locale in provincia di Ancona. La tragedia è avvenuta nella discoteca «Lanterna azzurra» di Corinaldo, in località Madonna del Piano durante un concerto del rapper Sfera Ebbasta. Il locale è stato posto sotto sequestro, l’indagine dei Carabinieri è già in corso. Le vittime sono due ragazzi, tre ragazze (tutti minorenni) e la madre di una ragazzina che aveva accompagnato la figlia alla serata. Dalle prime informazioni sembra che a scatenare il panico sia stato l’utilizzo, da parte di qualcuno dei presenti, di spray urticante. In particolare, un sito locale, «Cronache di Ancona», parla di spray al peperoncino, che sarebbe stato spruzzato in aria da uno dei partecipanti alla serata. E che avrebbe scatenato il panico, proprio come successe in piazza San Carlo a Torino il 3 giugno del 2017, quando oltre 30 mila persone guardavano la proiezione della partita della finale di Champions League. Quattro ragazzi spruzzarono uno spray per tentare una rapina e si scatenò una fuga generale in cui rimasero ferite 1.500 persone, tra cui una donna morta dopo qualche giorno in ospedale.

Sarebbero 120 – secondo fonti del 118 – i ragazzi rimasti feriti nella calca. Sono stati trasportati con le ambulanze del 118 all’ospedale più vicino, quello di Senigallia, da dove i più gravi, una decina, sono stati successivamente trasferiti all’ospedale Torrette ad Ancona, 7 si trovano in rianimazione. Sul luogo i vigili del fuoco da Ancona, Senigallia, Arcevia, Jesi. Nella discoteca, secondo quanto riferito dai testimoni ai Vigili del fuoco, c’era un migliaio di persone, attratte dall’evento concerto di Sfera Ebbasta, popolarissimo rapper della Trap music (che proprio il 7 dicembre ha festeggiato 26 anni). Il concerto non era ancora iniziato, tra mezzanotte e l’una, quando alcuni ragazzi hanno sentito un odore acre e per paura si sono precipitati verso una delle porte di emergenza, trovandola — secondo i primi testimoni — sbarrata. «L’uscita di sicurezza si è aperta, ma appena fuori due parapetti laterali in ferro sono venuti in meno e le persone sono cadute una sull’altra» è la ricostruzione fornita dal questore di Ancona, Oreste Capocasa. Secondo quanto dichiarato successivamente dal ministro dell’interno Salvini, il locale aveva una capienza autorizzata inferiore a 900 persone.

«Stavamo ballando in attesa che cominciasse lo spettacolo di Sfera Ebbasta, quando abbiamo sentito un odore forte, siamo corsi verso una delle uscite di emergenza ma l’abbiamo trovata chiusa, i buttafuori ci dicevano di rientrare…»: racconta così un sedicenne rimasto ferito. Il testimone è stato trasportato, insieme alla fidanzatina, sua coetanea, all’ospedale di Torrette di Ancona. Il suo racconto è confuso. Anche lui conferma che la folla avrebbe deviato di lato e decine di ragazzi sarebbero caduti da un muretto nella zona sottostante. «Uno è morto schiacciato sotto a tutti», dice ancora il 16enne. «Sembrava un fumogeno», dicono altri.

I nomi delle vittime sono stati resi noti dal vicepremier Luigi Di Maio con un post su Facebook: “Asia Nasoni, 14 anni, di Senigallia; Daniele Pongetti, 16 anni, di Senigallia; Benedetta Vitali, 15 anni, di Fano; Mattia Orlandi, 15 anni, di Frontone; Emma Fabini, 14 anni, di Senigallia e mamma Eleonora Girolimini, 39 anni, di Senigallia. Sono le giovani vittime della tragedia di questa notte. È assurdo morire così. Come governo faremo massima chiarezza sulla dinamica della vicenda (se sono state rispettate tutte le norme di sicurezza) e individueremo i responsabili. Un abbraccio e un pensiero alle famiglie”.

Un minuto di silenzio alle 11 in piazza del Popolo a Roma dove si svolgerà la manifestazione della Lega è stato annunciato da Salvini. Un minuto di silenzio è stato dedicato dai deputati, riuniti alla Camera per il voto finale della legge di Bilancio, alle vittime della discoteca di Ancona. Tutti gli esponenti dei gruppi parlamentari hanno espresso vicinanza ai familiari delle 6 vittime e hanno rivolto un augurio di pronta guarigione ai feriti. Subito dopo, il presidente di turno Ettore Rosato (Pd) ha sospeso la seduta per qualche minuto. Martina (Pd), ‘una tragedia che lascia senza fiato’. Lollobrigida (FdI), ‘Strage che sconvolge’. Battelli (M5s), ‘giustizia farà il suo corso’. ‘Tutta l’Arma dei Carabinieri, mentre tanti colleghi lavorano per portare soccorso e per scoprire le cause della grave tragedia di Corinaldo, si stringe attorno alle famiglie colpite dal lutto esprimendo il più sincero cordoglio’.