Trovato morto dopo ore di angoscia e ricerche, dramma nel livornese

LIVORNO – Ore di angoscia, l’allarme lanciato anche sui social, poi la tragica scoperta. Il corpo del 70enne ritrovato morto al Gabbro nel pomeriggio di martedì 24 settembre era quello del loro amato Mauro, padre di famiglia e nonno, uscito la mattina per andare a prendere i nipoti e mia più tornato a casa, a Stagno, dove era atteso per l’ora di pranzo. La possibile causa del decesso, un malore durante una passeggiata nel bosco, in prossimità dell’area attrezzata di via Valle del Chioma: là, infatti, notato da alcune persone di passaggio, è stato ritrovato il corpo di Mauro Frediani. Allertato il 118, con un’ambulanza della Misericordia del Gabbro e una di Montenero, sul posto sono arrivati i volontari e il medico che non hanno potuto fare altro se non constatare la morte dell’uomo.

Residente a Stagno ma molto conosciuto anche a Livorno, Frediani era stato visto come di consueto al circolo di zona a prendere il caffè. Quindi, dopo il mancato rientro a casa e il cellulare che irraggiungibile o spento, l’allarme lanciato con un post su Facebook dalla più grande dei nipoti: “Non troviamo più il mio nonno, siamo disperati, se qualcuno lo ha visto in giro mi contatti per favore. È alto circa un metro e 70 , è un uomo autosufficiente, anzi, è piuttosto atletico”. “È uscito presto stamani da casa, sta a Stagno. È andato via con la sua macchina, una Hyundai ix20 nera” gli ultimi dettagli, con tanto di targa e foto del nonno nella speranza di ritrovarlo quanto prima.

Poi l’appello della figlia, sempre su Facebook: “Non lo troviamo, siamo nell’angoscia più totale. È uscito in auto, doveva andare a prendere i nipoti a scuola ma non è mai arrivato. Per favore condividere. Fate girare per favore” e altre foto di Mauro. Nel pomeriggio la chiamata dei carabinieri di Montenero e la tragica scoperta. Un dolore condiviso da moltissimi amici e conoscenti dell’intera famiglia.