Tutti i segreti del porno: l’intervista esclusiva ad un’attrice emergente

L’industria del porno, che comprende film, spettacoli, eventi e molto altro, fattura miliardi di euro ogni anno. E’ tra i settori più in crescita dell’economia mondiale e, anche nella classifica dei siti più visitati a livello globale non c’è storia: il porno la fa da padrone. Dati, statistiche che raccontano una società ormai priva, quantomeno all’apparenza, di ogni tabù e mito da sfatare. Una società, una generazione, lontana anni luce dai dogmi puritani che hanno investito i predecessori più mansueti dei ragazzi di oggi. Eppure, sono ancora molti i segreti dell’industria porno. Che poi segreti non sarebbero, ma quel mistero, quel fascino intrigante rimane. E forse veramente mai ci siamo spinti fino in fondo, saziando ogni curiosità. Forse quei dogmi puritani ancora sopravvivono, respirano a fatica, ma ci sono.

Ecco allora che la parola passa ad una professionista. Una donna che ha fatto del porno il suo lavoro e che racconta orgogliosamente le sue gesta e la sua totale inibizione sul set. Laura Fiorentino (nome d’arte della bella Laura Sanini), tra le più amate sexy star toscane, si racconta in esclusiva a TgRegione.it.

Come ti sei approcciata a questo lavoro?

Ho mosso i primi passi nel mondo della moda, indossavo abiti e facevo sfilate, ma ben presto mi sono imbattuta nelle crudeltà che quel mondo nasconde: canoni estetici, altezza, peso, età. Cifre e parametri da rispettare, diete forzate, alimentazione totalmente scorretta. La moda ti fa sempre sentire inadeguata. Ben presto mi sono ribellata, ho deciso di rifarmi il seno e cambiare settore: la scelta migliore della mia vita.

E il porno è entrato nella tua vita.

Dopo aver fatto l’ombrellina nel Campionato Mondiale di Superbike ed aver posato per qualche copertina hard, è stato naturale per me passare agli spettacoli porno ed ai film. Del resto il sesso mi è sempre piaciuto e grazie ad Andy Casanova prima e la Pinko poi mi sono potuta cimentare come attrice. E’ stato abbastanza facile per me, vivo la nudità e la sessualità con grande libertà e leggerezza, da sempre.

Il sesso sul set è paragonabile a quello nel privato?

Nell’ultimo anno ho girato un film e sei set, oltre agli spettacoli: non smetto mai di lavorare. Il sesso sul set è molto diverso da quello in privato. Sul set può nascere una forte collaborazione, ma difficilmente si provano quelle sensazioni comuni invece nel privato. Ho sempre pensato che l’amore nasca a letto, il sentimento esplode con il sesso e per me è molto importante l’aspetto mentale. Anzi, direi che è decisivo.

Che cos’è per te il sesso?

Vivo il sesso come un lavoro. Un lavoro ben retribuito che mi sta garantendo carriera e soddisfazioni. Ovvio, è anche una mia grande passione, ma nel privato lo vivo molto diversamente. Non credo che Cracco ogni sera, a casa propria, cucini stellato. Bene, io a casa mia faccio soprattutto sesso normale, faccio l’amore. Sono molto dolce, cerco soprattutto riservatezza e normalità. Una cosa molto comune tra le pornostar.

E il giudizio della gente? La tua famiglia come vive la tua professione?

Ho sempre avuto l’appoggio di mia mamma, che adoro, e del giudizio del resto delle persone sinceramente mi interessa poco. Cerco di vivere con grande riservatezza e rispetto della mia privacy. E’ difficile trovare chi non ti etichetta subito quando fai questo mestiere, e non potrebbe esserci errore più grande. Anche con i social, ad esempio, ho diversi problemi. Quando posto le foto o i promo dei miei spettacoli spesso vengo bloccata o sospesa temporaneamente dai social: il chiaro sintomo di una mentalità bigotta, che vede ancora la sessualità come un volgare mostro da nascondere e da vivere con le catene. In pochi si rendono conto, invece, che il sesso è veramente bello se vissuto liberamente, senza alcun tabù e restrizione. Vaglielo a spiegare, a quelli che segnalano i miei post..