Uccide la ex moglie e si taglia la gola: i corpi ritrovati nell’auto

FIRENZE – ( di Letizia Tassinari ) – La Polizia li ha trovati morti nell’auto, in via Isolotto. Una zona periferica, e isolata, vicino all’Arno, nota alle coppiette che cercano intimità, quella del ritrovamento dei corpi di un uomo e di una donna, Mattia Di Teodoro, 33 anni, e Michela Noli, impiegata dell’aeroporto di Peretola, 31enne,  feriti con colpi di coltello. L’ipotesi avanzata dagli inquirenti, poi confermata, è quella di un omicidio – suicidio: l’uomo, secondo quanto appurato, ha ucciso la donna e poi si è tolto la vita, tagliandosi la gola. Entrambi fiorentini, si erano appena separati. Un ultimo appuntamento, forse per un chiarimento, poi il tragico epilogo, e una lettera di scuse ai familiari ritrovata dagli investigatori nell’appartamento di lui. Mattia Di Teodoro ha telefonato alla ex moglie, lei ha accettato di vederlo, è salita in auto, fino a raggiungere la stradina buia dove poi si è scatenato l’inferno. Quando la volante – allertata dagli amici e dalla famiglia, preoccupati per quella uscita – ha notato la vettura, gli agenti hanno trovato due corpi straziati. Nella Citroen C2 bianca lui era seduto al posto di guida e lei, accucciata nel sedile accanto, aveva cercato di aprire lo sportello per tentare di fuggire. Amori criminali. Troppi, come troppe sono le storie tragiche in Toscana e in tutta Italia. Venti le coltellate inferte sul corpo della donna, annunciate via sms ad un amico dall’omicida suicida che con lo stesso coltello si tolto la vita con un colpo secco alla gola.

 

Lascia un commento