“Un mondo completo” di Isabella Staino a Villa Argentina

0

VIAREGGIO – Un lungo e articolato percorso pittorico con opere realizzate in tempi diversi tra donne-sirene, ritratti femminili, grandi tele e piccole produzioni che coniugano le immagini del sogno e del mistero, dell’attesa e dell’inquietudine quotidiana.

E’ l’omaggio che Villa Argentina tributa all’artista Isabella Staino, fiorentina di nascita ma livornese di adozione, che aprirà la sua personale sabato 4 novembre alle 17,30 nella storica villa liberty di Viareggio recuperata dalla Provincia di Lucca.

“Un mondo completo” è il titolo scelto per la mostra di Isabella Staino che si compone di circa 70 opere le quali, nelle splendide sale della Villa, creano un suggestivo incontro di temi ed immagini; un originale e irripetibile dialogo tra le opere e tra opere e ambiente, nelle due polarità del “mistero dei gesti semplici” e del mare del ciclo ‘Lighea’.

La mostra – che rimarrà aperta fino al 10 dicembre – è promossa dalla Casa delle Donne – Centro antiviolenza di Viareggio, in collaborazione con la Provincia, il Comune di Viareggio e l’adesione della Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio di Lucca e Massa Carrara.

Per il giorno dell’inaugurazione – sabato – è prevista una performance con musica e voce su “Lighea” di Giuseppe Tomasi di Lampedusa che vedrà protagoniste Arianna Gaudio (voce) e Chiara Cavalli (violino).

La mostra contiene le opere del ciclo “Lighea” ispirato a Lighea di Tomasi di Lampedusa. La dimensione mitica e simbolica della  donna-sirena va a costituire l’altra polarità necessaria: Lighea, il mare e le sue creature emergono da vivide acque per densità e profondità. Qui il mistero non è nei gesti, ma nell’immensità ignota della natura. E soprattutto del mare, il doppio, il regno più lontano e irriducibile al dominio dell’uomo.

La mostra presenta inoltre:  Isabella e l’ombra – tavole originali dal racconto scritto da Antonio Tabucchi nel 2003 ispirandosi alla pittura di Isabella Staino e a lei donato. Il racconto è stato illustrato e pubblicato nel 2013 da Vittoria Iguazu Editora; Infiniti terrestri dèi – ciclo pittorico ispirato a “Cristo si è fermato a Eboli” di Carlo Levi.

 

No comments

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: