Una scultura sulle Apuane, nuova impresa artistica di Stefano Pierotti

0

PIETRASANTA – Toccherà il cielo. E’ un’opera dal potere struggente e metafisico quella che Stefano Pierotti, artista pietrasantino, è pronto ad installare al “Passo dell’Alpino”, su una roccia che sovrasta le Voltoline, a mille metri di altezza, sul sentiero che porta al rifugio “Giuseppe Del Freo – Pietrapana”, in località di Mosceta e al monte Pania, già tracciato di guerra durante il conflitto mondiale (info su www.stefanopierotti.com). Realizzata con i pini abbattuti dal fortunale del 5 marzo che ha messo in ginocchio la Versilia, l’opera (è alta 3.20 metri) dal titolo “Insolito risveglio n. 2” fa parte del progetto di installazioni poste in ambientazioni naturali dell’artista che si era già resto protagonista, nel recedente passato, di un’installazione altrettanto ardita “dentro” il mare di Marina di Pietrasanta. Dal mare ai monti la “nuova” creazione di Pierotti nasce per da un’esigenza espressiva personale dell’artista ma anche e soprattutto per cercare una nuova via da percorrere che non sia per forza quella legata ai soliti schemi dell’arte. L’opera, è stata installata giovedì 16 luglio ed è dedicata allo zio alpinista dello scultore, Luciano Sigali, che non potrà più scalare quelle montagne che tanto amava. “L’opera ha più chiavi di lettura – spiega Pierotti – e più livelli di interpretazione. A me piace pensare che sia una sorta di portale per collegare gli elementi della natura, in questo caso, la terra, con il cielo e l’universo”. “Stefano Pierotti – commenta il Vice Sindaco, Daniele Mazzoni – è un figlio di Pietrasanta. Un artista che ha saputo sempre rappresentare con la sua consueta forza ed espressività le dinamiche interne della nostra anima. L’opera, che andrà ad installare alle Voltoline, anela a toccare l’infinito ricordando gli uomini che oggi non ci sono più e la natura nel suo aspetto più crudele ed indipendente”.

No comments