“Un’altra inchiesta sulla gestione degli appalti durante l’emergenza Covid19, dopo le mascherine ‘cinesi’ e i ventilatori fantasma”

“È inquietante constatare per l’ennesima volta la Regione Toscana si sia fatta beffare da aziende senza scrupoli in piena emergenza Coronavirus – dice il Consigliere regionale della Lega, Jacopo Alberti, candidato alle prossime elezioni regionali – come per i ventilatori polmonari mai arrivati, come per le mascherine prodotte in appalto da ditte cinesi, anche questa volta sono stati sprecati soldi dei toscani: 10 milioni per tamponi inaffidabili. Se tre indizi fanno una prova, adesso possiamo avere la certezza che la gestione dell’emergenza è stata un vero fallimento, almeno per le casse regionali. Soldi buttati e appalti affidati senza controlli, pur di apparire efficienti nella gestione della pandemia. Sembra invece che Regione Toscana e Estar si siano fatti prendere dal panico e abbiano davvero affidato gli appalti ai primi che passavano, senza verifiche e senza controlli. È un comportamento da irresponsabili e anche manipolatorio nei confronti dei cittadini, indotti a pensare a una macchina regionale efficientissima, che invece si è fatta beffare su tutto”.

“Tutte le inchieste che sono emerse grazie all’operato della Guardia di finanza in questi mesi, non fanno altro che confermare il sospetto iniziale della totale non conoscenza del “Piano nazionale di preparazione e risposta ad una pandemia influenzale “, ovvero il Piano Bertolaso. In quel documento erano elencate una serie di azioni che le Regioni avrebbero dovuto compiere negli anni per prepararsi a una pandemia, come l’accaparramento e stoccaggio di Dispositivi di protezione individuale e l’aumento di posti nelle terapie intensive. In Toscana si è arrivati all’emergenza senza Dpi, e con le terapie intensive depotenziate da anni di tagli alla sanità. E per sopperire a queste mancanze ci si è affidati a veri e propri delinquenti che hanno cercato di guadagnare sulla pelle dei cittadini. Spero – conclude Alberti – che tutti coloro che risulteranno colpevoli dalle inchieste vengano duramente condannati e puniti, anche per il grave disprezzo della vita umana dimostrato dal loro agire. Sulla gestione dell’emergenza da parte della Regione Toscana, credo che si possa a questo punto, calare un velo pietoso”.

alberti
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: