Urla e spintoni, nuova rissa in piazza Dante: nel video l’arrivo dei Carabinieri

VIAREGGIO – Ancora una rissa, in piazza Dante alla Stazione. Sirene spiegate e lampeggianti accesi sul posto si sono fiondate due pattuglie dei Carabinieri del Radiomobile, oltre a un’ambulanza del 118 che ha trasportato un ferito al pronto soccorso dell’ospedale “Versilia”. I litiganti, tutti caricati sulle gazzelle, sono stati portati in Caserma, per essere identificati. La rissa, tra extracomunitari, è scoppiata pochi minuti dopo le 4 di questa notte e a finire in manette è stato Ibrahim Jarmouni, marocchino del 1982, in Italia senza fissa dimora, nullafacente, pregiudicato, sprovvisto di permesso di soggiorno, poiché ritenuto responsabile dei reati di resistenza a Pubblico Ufficiale e lesioni personali aggravate. In particolare i Carabinieri, impegnati nei rafforzati controlli eseguiti nell’area della stazione ferroviaria, sono intervenuti in pochi istanti in Piazza Dante dove era stata segnalata una violenta discussione tra cittadini extracomunitari. Giunti sul posto i militari trovavano un cittadino marocchino, classe 1981, in Italia senza fissa dimora, nullafacente, pregiudicato, che presentava una vistosa ferita nella parte posteriore del collo. Veniva quindi immediatamente richiesto l’intervento di un’ambulanza del 118 che ha soccorso lo straniero accompagnandolo al nosocomio versiliese, dove gli sono stati apposti 15 punti di sutura al capo dichiarandolo guaribile in 7 giorni. Nel frattempo giungevano altre pattuglie dei Carabinieri che iniziavano a setacciare la zona in cerca dell’aggressore che veniva scovato poco distante grazie alle sommarie descrizioni fornite dalla vittima e da alcuni testimoni. L’aggressore, che indossava una maglietta vistosamente sporca di sangue, era fortemente agitato, probabilmente in stato di alterazione causato dall’abuso di alcol e stupefacenti, e alla vista dei militari si è opposto al controllo spintonando e scalciando ma grazie al rapido intervento di altri Carabinieri lo stesso è stato bloccato e scortato in caserma. A seguito delle indagini immediatamente condotte i militari accertavano che Jarmouni aveva assalito alle spalle il connazionale colpendolo all’altezza del collo con una bottiglia di vetro infranta al culmine di una lite che sarebbe scaturita a causa dell’insistente richiesta di soldi avanzata nei confronti di un altro cittadino marocchino a cui l’aggredito si sarebbe opposto. Terminate le formalità dio rito, come disposto dal Sostituto Procuratore della Repubblica Antonio Mariotti, l’arrestato veniva condotto presso la Casa Circondariale di Lucca dove attenderà l’interrogatorio di garanzia. A seguito dell’intervento eseguito anche due Carabinieri sono rimasti leggermente feriti riportando contusioni multiple e un trauma contusivo alla mano.

“Urla e spintoni – racconta un residente che, svegliato dal caos, dalle finestre della sua abitazione ha immortalato la scena filmandola e inviando il piccolo video alla nostra redazione:

Scene, queste, diventate quasi ordinarie, ormai, e tra i cittadini sale l’esasperazione.

 

Lascia un commento