Ultime News

Vescica timida: quando fare la pipì fuori casa è un problemino…

0

VIAREGGIO ( di Luca Lunardini ) – Panico a far pipì in autogrill o comunque di fronte agli altri? Hai vergona a confessarlo? Ignori il problema? Ma sappi che quello di avere difficoltà a fare la pipi in pubblico è un piccolo\grande problema che interessa molte più persone (soprattutto maschietti) di quanto non si pensi. Si calcola che un 7-8% delle persone ne siano interessate, ovvero solo per pensare all’Italia il che equivale a ipotizzare, solo nel nostro paese, un esorbitante numero di 6-7 milioni di “VESCICHE TIMIDE”.

In termini medici si chiama paruresi o urofobia, ma è nota anche proprio con ilo apparentemente ironico nome di “sindrome della vescica timida”.

In sostanza, la persona che ne soffre non riesce a rilassare le pareti del pavimento pelvico (che funzionano come una sorta di rubinetto per trattenere le urine, impedendo l’apertura della vescica e la conseguente minzione.

Può avere vari livelli di gravità: c’è chi semplicemente non riesce a urinare se nel bagno ci sono altre persone o se qualcuno può sentirne il rumore, ma c’è anche chi non riesce a farlo se non nel proprio bagno o addirittura se in casa sono presenti, seppure in un’altra stanza, degli estranei, il che, evidentemente, diventa un bel problemino. È infatti ovvio come che in questi casi estremi la vita sociale di una persona risulti particolarmente compromessa: si evita di allontanarsi per lunghi periodi da casa, viaggiare diventa impossibile oppure si rinuncia ad andare in bagno pur sentendone il bisogno, passando ore in uno stato di disagio. Un rinvio antipatico da giovani ma catastrofico da “anzianotti” quando ci si mette anche sua eccellenza la Prostata…

In questo caso è bene consultare un medico o, meglio ancora, un urologo, in modo da valutare correttamente la tua situazione. I rimedi farmacologici consistono in medicine per rilassare la muscolatura pelvica interessata o ansiolitici. Per i casi più blandi, però, gli esperti suggeriscono esercizi capaci rilassare i muscoli del pavimento pelvico-perineale (gli stessi che usi quando vuoi bloccarti “a metà dell’opera) e di provare, in una sorta di auto-training di provare a visualizzare l’urina che esce dalla vescica, fluisce nell’uretra e infine esce dal corpo. Spesso è sufficiente per risolvere il problema.

Insomma, sei una persona brillante, quando si tratta di parlare in pubblico sei un oratore capace di affascinare gli astanti, ma la sola idea di usare un bagno pubblico ti paralizza? Be’, prima di farne un dramma e di complicarti troppo la via, sappi che sei in ampia compagnia e che qualcosa si può fare.

 

RubriSex la rubrica di sessuologia è tenuta da:

Patrizia Mascari, Psicologa, Consulente di coppia è Professore a.c. UNIFI, Autrice di numerose pubblicazioni, tra cui “L’immaginario, Fantasie e Sessualità’ ed. Franco Angeli. Per ulteriori informazioni la dottoressa è contattabile all’indirizzo mail: pamaca@tin.it.

E

LUCA LUNARDINI Medico-Chirurgo, Specialista UROLOGO con incarico di Alta Specializzazione in ANDROLOGIA, dirigente medico presso la Unità Operativa di Urologia della A.S.L. 12 Versilia. E’ contattabile, per qualsivoglia approfondimento, via email al seguente indirizzo: luca.lunardini1@tin.it

No comments