Via vai di auto e persone, in manette due pusher che tentano la fuga: un carabiniere ferito

CAMAIORE – La lotta allo spaccio di sostanze stupefacenti non si ferma, e i Carabinieri della Stazione di Camaiore, nell’ambito dell’intensificazione dei servizi preventivi disposta dal Prefetto di Lucca e dal Comandante Provinciale dei Carabinieri, hanno eseguito mirati servizi di controllo del territorio finalizzati a contrastare il fenomento. I militari dell’Arma hanno tratto in arresto in flagranza di reato Moradi Miludi e Abdkim Faksi, entrambi del Marocco, entrambi incensurati, il secondo privo di permesso di soggiorno.  In particolare i Carabinieri, anche a seguito di alcune segnalazioni, accertavano che la frazione di Medato era interessata da un costante via vai di auto e persone a piedi, con una particolare concentrazione durante la tarda serata. Venivano quindi predisposti mirati servizi di osservazione in abiti civili e, avuta certezza che l’attività di spaccio era in corso, scattava l’intervento dei Carabinieri che da una parte bloccavano un acquirente italiano che veniva trovato in possesso di una dose di cocaina per la quale aveva pagato la somma di 50 euro. Contemporaneamente gli altri militari operanti tentavano di bloccare i 2 cittadini stranieri che gestivano l’attività di spaccio e che alla vista dei Carabinieri provavano a darsi alla fuga per i terreni circostanti. Uno dei malviventi veniva immediatamente fermato mentre l’altro, una volta raggiunto, strattonava violentemente per un braccio uno dei militari che fortunatamente veniva raggiunto dagli altri colleghi che riuscivano a bloccare definitivamente il cittadino marocchino.
I due venivano quindi condotti in caserma e a seguito di perquisizione venivano trovati in possesso di un bilancino di precisione e dei 50 euro ricevuti in cambio dello stupefacente. I predetti, terminate le formalità di rito, sono stati successivamente trattenuti presso le camere di sicurezza del Comando dell’Arma di Viareggio ove hanno atteso la celebrazione dell’udienza di convalida che ha avuto luogo presso il Tribunale di Lucca e a seguito della quale sono stati condannati a 8 mesi di reclusione con pena sospesa.
Il carabiniere ferito, visitato presso il Pronto Soccorso dell’Ospedale Versilia, è stato riscontrato affetto da “trauma contusivo avambraccio destro ” e giudicato guaribile in 7 giorni.

Lascia un commento