Viareggio Porto, il Pd presenta un’interrogazione

VIAREGGIO – E’ stata protocollata questa mattina prsso la segreteria del Consiglio Comunale a nome del Gruppo del Partito Democratico, una interrogazione sulla Viareggio Porto.

“I fatti che hanno portato alla richiesta di un piano concordatario riguardo alla VG Porto sono sicuramente da un punto di vista amministrativo tutti da chiarire visto che grazie anche a questa scelta si è riusciti a far “ diminuire “ il valore della stessa dai circa 10 milioni per il 49% delle azioni messe in gara nel 2007, all’attuale richiesta di circa 4,5 milioni del piano concordatario, fra l’altro cifra ancora da definire e che quindi potrebbe essere anche inferiore al termine  della ricognizione del perito incaricato dal Tribunale di Lucca”,  si legge nella nota: “In attesa degli esiti relativi alle decisioni del Tribunale, intendiamo con questa interrogazione, porre al sindaco alcuni quesiti

  1.  l’A.C. attuale, relativamente alle cause che hanno portato al piano concordatario, quali atti ha fatto o intende fare per appurare eventuali responsabilità ?
  2. Abbiamo letto sulla stampa e attraverso altre informazioni che vi sono gravi problemi alle banchine che rischiano di compromettere la funzionalità della struttura oltre ad esservi stati problemi relativamente alla gestione dei bagni e che per ben due volte sia stata staccata la fornitura elettrica. Se tutto ciò è vero cosa intende fare il Sindaco per assicurarsi che si ottemperi all’obbligo giuridico di mantenere il valore del bene e non si corra invece il rischio che lo stesso si svaluti ulteriormente ?
  3.  Se sia vero o no che lo studio che tiene la contabilità alla VG Porto faccia capo allo stesso liquidatore;
  4.   Per ultimo vorremmo sapere i compensi fino ad oggi percepiti da tutti i liquidatori che si sono succeduti e la natura e l’importo di eventuali incarichi da essi assegnati nello svolgimento delle loro funzioni”.

Lascia un commento