Voragine sul Lungarno: il ripristino per il 4 novembre, 50mo anniversario dell’alluvione

0

FIRENZE – Voragine sul lungarno: nessun indagato, ma la Procura ha aperto un fascicolo di indagine per crollo colposo, pm titolare Gianni Tei. Il ripristino della zona franata, che ieri ha inghiottito una ventina di auto, a due passi da Ponte Vecchio, questo l’obiettivo del sindaco Dario Nardella, è fissato  entro il 4 novembre, giorno del 50/o anniversario dell’alluvione di Firenze. Entro settembre dovrebbero invece essere completati i lavori di somma urgenza.

I radar sistemati dall’Università per controllare lo spostamento della spalletta di lungarno Torrigiani “non hanno registrato nessuno spostamento ulteriore del muro di margine, nemmeno mezzo millimetro”, ha precisato il primo cittadino: “Il gruppo tecnico provvederà alla progettazione per cominciare i lavori di ricostruzione del muro di margine e ovviamente ripristinare tutta la viabilità. Ho dato come termine ultimo – ha detto il sindaco – settembre di quest’anno: non possiamo permetterci di arrivare alla stagione autunnale con il rischio di piogge che facciano aumentare il livello dell’Arno. Mi hanno detto che si va troppo veloce, ma secondo me non e’ nemmeno abbastanza. Il nostro obiettivo è fare Lungarno Torrigiani più bello di come era prima dello smottamento. E sarebbe importante arrivare a questo termine a questo traguardo anche con i lavori di ripristino estetico architettonico dopo quelli di somma urgenza entro il 4 novembre, data in cui Firenze e tutto il mondo ricorderà i 50 anni dell’alluvione che ha colpito con una ferita ben più grave la nostra città e non soltanto”. Sarà Publiacqua a pagare i costi, stimati in cinque milioni.

No comments