Zappelli: “Profughi non significa delinquenti, si soffia sul fuoco della paura”

0

VIAREGGIO – “Meriggiare pallido e assorto… Quello dei migranti e’ un tema che torna ripetutamente all’attenzione perché è attuale, può essere oggetto in se’ di facile fraintendimento e può risvegliare infine, nelle persone più fragili, paure che derivano dall’incertezza finanziaria che ancora oggi, a distanza cioè di 10 anni dall’inizio della crisi, e’ molto diffusa e stenta a cedere il passo alla ripresa economica nazionale che per ora è piuttosto insicura”.

La riflessione è del consigliere di maggioranza David Zappelli:

“In questa situazione oggettiva c’è chi tenta di guadagnarci in visibilità, sfruttando le paure e usando soprattutto i social, fino ad additare addirittura di scarso senso democratico la maggioranza che governa la nostra città; mi riferisco in particolare ai conss. Baldini e Pacilio che si lamentano entrambi di non aver avuto la parola nel corso dell’ultima commissione sociale perché il neo presidente Lippi, interpretando alla lettera il regolamento, ha fatto parlare solo i membri della commissione. In questo modo Lippi ha privato Baldini della possibilità di soffiare sul fuoco della paura dei migranti, che lui associa ‘ipso facto’ ai delinquenti di Rimini, e ha fatto bene Lippi perché in questo modo ha rasserenato gli animi dei cittadini più fragili e ha evitato la diffusione di paure ingiustificate. D’altra parte Pacilio, se ho capito bene, chiede che ci sia una telecamera in commissione perché tutti possano vedere cosa succede (forse la consigliera ha visto troppi reality), dimenticando che le commissioni sono aperte al pubblico e quindi tutti possono partecipare e rendersi conto che la maggioranza ha come unico fine quello di rispettare la legge: il regolamento comunale nel caso di Lippi, le leggi statali nel caso dell’assessore Tomei e della giunta nel suo insieme che non ha esitato a far evacuare l’immobile di via Matteotti e il campo rom di Via Cimarosa perché insediamenti contrari alla legge, solo per fare un esempio. Mentre, sempre nel rispetto della legge, questa maggioranza non si nasconderà di fronte alle necessità di chi invece fugge dalle guerre fra poveri che il neocolonialismo africano ha provocato, così come ha già fatto a Torre del Lago, a Bicchio, e al Marco Polo, senza che sia ‘volata una mosca’, perché da due anni a questa parte non è successo nessun episodio degno di nota, nemmeno di cronaca, anzi per ora, e finche’ nessuno soffierà strumentalmente sul fuoco della paure, si è assistito, giorno per giorno all’abbattimento del muro delle paure, quello fatto con i cocci aguzzi di bottiglia alla sommità, e alla cura di una siepe sempreverde con qualche rosa qua e là per favorire la comunicazione e lo scambio culturale, per questo la maggioranza -mio tramite- ringrazia gli abitanti di Torre del Lago,di Bicchio e del Marco Polo, che ci hanno reso orgogliosi di essere viareggini. Di fronte ai gravissimi episodi di Rimini, legati ai reati sessuali, o a quelli di Casamicciola, legati ai reati edilizi, o infine a quelli che finalmente si chiudono con la condanna definitiva di Bossi e Belsito (Lega nord) per aver speculato, arricchendosi personalmente, in Nigeria, non possiamo che invocare la rigorosa applicazione della legge penale, come nel caso Bossi appunto; nel nostro piccolo invece confidiamo che l’assessore Manzo porti avanti con celerità, insieme all’assessore Tomei, i progetti affinché i fruitori della stazione, per esempio, possano sentirsi sicuri a qualsiasi ora del giorno”.

No comments